Che cos’è la psicologia dei consumatori?

Che cos'è la psicologia dei consumatori? Autoconsapevolezza

Vi interessa sapere perché e come le persone acquistano alcuni prodotti e non altri? Vi siete mai chiesti come i messaggi dei media influenzino le scelte di acquisto di un cliente? Se è così, allora potreste essere interessati al campo in crescita conosciuto come psicologia del consumo.

La psicologia del consumo è un’area di specializzazione che studia come i nostri pensieri, le nostre convinzioni, i nostri sentimenti e le nostre percezioni influenzino il modo in cui acquistiamo e ci relazioniamo con beni e servizi.

Una definizione formale del campo lo descrive come “lo studio degli individui, dei gruppi o delle organizzazioni e dei processi che utilizzano per scegliere, assicurarsi, usare e disfarsi di prodotti, servizi, esperienze o idee per soddisfare i bisogni e l’impatto che questi processi hanno sul consumatore e sulla società”.

Gli psicologi dei consumatori studiano come il processo decisionale, la persuasione sociale e la motivazione influenzino il motivo per cui gli acquirenti comprano alcune cose e non altre. In questa panoramica sulla professione, scoprite cosa fanno gli psicologi dei consumatori e dove lavorano.

La scienza del comportamento del consumatore

Secondo la Society for Consumer Psychology, Divisione 23 dell’American Psychological Association, la psicologia dei consumatori “impiega approcci psicologici teorici per comprendere i consumatori”.

Questo campo è spesso considerato una sottospecialità della psicologia industriale e organizzativa ed è noto anche come psicologia del comportamento del consumatore o psicologia del marketing. Gli psicologi dei consumatori studiano una serie di argomenti, tra cui:

  • Come i consumatori scelgono aziende, prodotti e servizi.
  • I processi di pensiero e le emozioni alla base delle decisioni dei consumatori.
  • Come le variabili ambientali, quali amici, famiglia, media e cultura, influenzano le decisioni di acquisto.
  • Cosa motiva le persone a scegliere un prodotto piuttosto che un altro.
  • Come i fattori personali e le differenze individuali influenzano le scelte di acquisto delle persone.
  • Cosa possono fare gli esperti di marketing per raggiungere efficacemente i loro clienti target.

Cosa fanno gli psicologi dei consumatori

Che cosa fa esattamente uno psicologo dei consumatori? Questi professionisti svolgono un ruolo fondamentale non solo nell’aiutare le aziende a capire cosa vogliono e di cosa hanno bisogno i loro clienti, ma anche nell’aiutare i venditori a promuovere e commercializzare i loro prodotti e servizi agli acquirenti.

1. Condurre ricerche di mercato

Poiché le aziende hanno bisogno di capire i loro consumatori per sviluppare prodotti e campagne di marketing che si rivolgano al loro pubblico di riferimento, gli psicologi dei consumatori spesso dedicano molto tempo a conoscere meglio le caratteristiche degli acquirenti. Spesso si tratta di individuare innanzitutto il pubblico di riferimento per un determinato prodotto, compresi il sesso, l’età e lo status socioeconomico dell’acquirente tipico.

Successivamente, lo psicologo dei consumatori potrebbe iniziare a ricercare i tipi di prodotti e i messaggi di marketing che attraggono questi tipi di acquirenti.

2. Sviluppare messaggi di marketing

Altri psicologi dei consumatori potrebbero concentrarsi sul marketing sociale, ovvero sul modo in cui idee e messaggi si diffondono tra i gruppi. I ricercatori potrebbero essere interessati a diffondere informazioni su un prodotto o su un importante messaggio di salute pubblica.

Imparare come le credenze e gli atteggiamenti si diffondono tra i gruppi può aiutare le organizzazioni a capire come diffondere meglio il loro messaggio e incoraggiare il passaparola.

3. Ricerca sugli atteggiamenti e i comportamenti dei consumatori

Gli psicologi dei consumatori spesso conducono ricerche per conoscere meglio il comportamento degli acquirenti. I metodi di ricerca più comuni utilizzati da questi professionisti includono esperimenti, sondaggi telefonici, focus group, osservazioni dirette e questionari.

È molto probabile che abbiate partecipato ad almeno un sondaggio di mercato nella vostra vita. Spesso sono condotte per telefono, ma possono anche essere effettuate online o per posta. In un sondaggio, ai consumatori viene spesso chiesto di descrivere il loro comportamento di acquisto passato, i fattori che hanno influenzato il loro processo decisionale e i loro piani di acquisto futuri.

I ricercatori raccolgono anche dettagli sul sesso, l’età, la razza, il percorso formativo e la situazione finanziaria attuale di ciascun intervistato. Questo tipo di informazioni può essere molto utile perché permette ai ricercatori di cercare modelli e di conoscere meglio chi acquista determinati prodotti.

Ad esempio, utilizzando un sondaggio i ricercatori potrebbero scoprire che le donne di età compresa tra i 30 e i 45 anni, con un reddito familiare tra i 50.000 e i 100.000 dollari, sono le più propense ad acquistare un determinato prodotto o servizio. Sapendo questo, possono iniziare a progettare campagne di marketing mirate a questo target.

Requisiti di istruzione e formazione

Che tipo di formazione è necessaria per diventare psicologo dei consumatori? La maggior parte dei lavori di primo livello nel settore della psicologia dei consumi richiede almeno una laurea in psicologia.

I lavori che richiedono una laurea di primo livello comprendono in genere la pianificazione, la conduzione e l’interpretazione dei risultati di campagne di ricerca di mercato.

Chi è interessato a posizioni più avanzate o all’insegnamento a livello universitario dovrà conseguire un master o un dottorato in un’area correlata alla psicologia dei consumi. Tali opzioni di laurea comprendono la psicologia generale, la psicologia industriale-organizzativa, il marketing e gli studi sui consumatori.

Se siete interessati a diventare psicologi dei consumatori:

  • Concentratevi sui corsi che vi permetteranno di comprendere il comportamento umano, il marketing, la psicologia sociale, la personalità e la cultura.
  • Seguire corsi di pubblicità e marketing.
  • Seguire corsi di metodi sperimentali, in particolare di disegno sperimentale e statistica.

Opzioni di carriera

Il percorso di carriera che sceglierete alla fine dipenderà molto dai vostri interessi e dal vostro background formativo. Ad esempio, se siete interessati alla ricerca teorica e all’insegnamento, prendete in considerazione l’idea di conseguire un dottorato per poter insegnare corsi e svolgere ricerche originali in un’università. Se invece preferite lavorare in un settore come quello delle ricerche di mercato, della pubblicità o delle vendite, potrebbe essere sufficiente una laurea di primo livello.

Altre possibilità di lavoro sono quelle di essere consulenti per aziende private o di lavorare per agenzie governative.

In questi lavori, agli psicologi dei consumatori potrebbe essere chiesto di svolgere un’ampia gamma di mansioni, tra cui lo sviluppo di campagne di marketing, la ricerca delle tendenze degli acquirenti, la progettazione di pubblicità sui social media o l’analisi delle statistiche.

Parole finali

Capire cosa spinge le persone ad acquistare è molto più di un gioco di ipotesi. Le aziende oggi impiegano psicologi dei consumatori per valutare scientificamente le decisioni e le scelte dei loro clienti. La prossima volta che guarderete una pubblicità o farete un sondaggio tra i consumatori, considerate il ruolo che gli psicologi dei consumatori possono aver svolto nello sviluppo di questi messaggi e questionari.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it

Adblock
detector