I bambini possono capire la differenza tra fantasia e realtà?

I bambini possono capire la differenza tra fantasia e realtà? I bambini

I bambini piccoli sono spesso immersi nella fantasia e per questo i genitori, gli insegnanti e persino gli studiosi pensano spesso che non siano in grado di distinguere la realtà dall’irrealtà. Tuttavia, la ricerca suggerisce che i bambini sono più attenti alle differenze tra fantasia e realtà di quanto possa sembrare agli adulti.

Infatti, i bambini usano molti degli stessi spunti degli adulti per decidere se qualcosa è reale o meno. Sebbene i bambini piccoli non siano in grado di distinguere la fantasia dalla realtà con lo stesso successo degli adulti, diventano sempre più capaci di farlo man mano che avanzano nello sviluppo e acquisiscono maggiori conoscenze sul mondo.

Come lo sviluppo dei bambini influisce sulla loro comprensione della fantasia e della realtà

Intorno ai due anni di età, i bambini iniziano a giocare a far finta. Credono anche in esseri fantastici come Babbo Natale e il Coniglietto di Pasqua e spesso hanno amici immaginari. In effetti, i bambini piccoli hanno difficoltà a distinguere la fantasia dalla realtà.

Tuttavia, tra i tre e i dieci anni, i bambini diventano gradualmente più sofisticati nella loro capacità di comprendere la differenza. Per esempio, i bambini in età prescolare tendono a credere che tutto ciò che vedono in TV sia reale, ma già a cinque o sei anni capiscono che se qualcosa viola la realtà fisica, come gli effetti speciali o l’animazione dei loro programmi televisivi preferiti, non è reale.

Tra i 5 e gli 8 anni, l’interesse dei bambini per il gioco di finzione diminuisce e diventano meno propensi a credere ai personaggi di fantasia. Poi, tra gli 8 e i 12 anni, si concentrano sempre più sul realismo e cercano di capire il mondo reale attraverso i giocattoli, i giochi e i divertimenti.

In questa fase, infatti, i bambini diventano critici nei confronti dei programmi televisivi che non sembrano realistici. È in questo stesso periodo che i bambini diventano meno interessati a giocare per finta.

Questa traiettoria può essere osservata in uno studio sulla percezione dei personaggi televisivi di fantasia da parte dei bambini. L’indagine ha rilevato che i partecipanti di 4 anni credevano che Big Bird di Sesame Street fosse reale. Tuttavia, i partecipanti di 5-6 anni sapevano che Big Bird era un uomo che indossava un costume, poiché avevano capito che il personaggio violava la realtà fisica.

D’altra parte, lo studio ha anche rilevato che, poiché una famiglia fittizia in un programma televisivo live-action, come i Dunphy del telefilm Modern Family o i Brady di The Brady Bunch, non viola la realtà fisica – e addirittura assomiglia a qualcosa di familiare per i bambini – i bambini di nove e dieci anni continuavano a credere che questo tipo di famiglia televisiva fosse reale.

Quali indizi usano i bambini per distinguere tra fantasia e realtà?

La ricerca ha dimostrato che bambini e adulti tendono a usare metodi simili e ad affidarsi a indizi simili per distinguere tra fantasia e realtà. Questi metodi e spunti sono discussi di seguito.

Valutazione del contesto

Quando agli adulti vengono presentate nuove informazioni, giudichiamo la veridicità delle stesse in base al contesto in cui le troviamo.

Anche se questo è diventato più difficile oggi, quando ci sono così tante fonti di informazione che le persone giudicano fonti diverse come più o meno affidabili, in generale dovremmo essere d’accordo sul fatto che se leggiamo della scoperta degli alieni su un blog di cui non abbiamo mai sentito parlare, dovremmo essere scettici su questa informazione.

Al contrario, se leggiamo la notizia sul sito web della NASA, dovremmo essere più propensi a crederci.

Uno studio condotto su bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni ha dimostrato che i bambini utilizzano anche indizi di contesto quando viene loro raccontato di animali che non conoscono. Quando sentivano dire che i nuovi animali erano raccolti da draghi o fantasmi – un contesto fantastico – erano meno propensi a credere che gli animali esistessero davvero rispetto a quando veniva detto loro che erano usati da medici o scienziati – un contesto scientifico. Questi risultati sono stati osservati con partecipanti di età pari a 4 anni.

Conoscenze esistenti

Un’altra cosa che gli adulti fanno quando incontrano nuove informazioni è confrontarle con le conoscenze che già possediamo. Se le conoscenze acquisite supportano le nuove informazioni, le consideriamo plausibili.

Se invece l’informazione non ha senso in base a ciò che già conosciamo del mondo, la rifiutiamo come falsa.

Ricerche condotte su bambini di età compresa tra i 5 e gli 8 anni hanno dimostrato che anche i bambini utilizzano le loro conoscenze esistenti per giudicare l’affidabilità di nuove informazioni5 , con l’unica differenza che i bambini hanno acquisito meno conoscenze sul mondo rispetto agli adulti.

Inoltre, gli adulti tendono a raccontare ai bambini storie di eventi magici e di esseri fantastici, come lupi parlanti, case fatte di caramelle e uomini sovrappeso che scendono dai camini e consegnano i regali a Natale. Ciò rende i bambini più disposti a credere alla fantasia.

Con la maturità e l’acquisizione di maggiori conoscenze, però, i bambini diventano più capaci di distinguere accuratamente la fantasia dalla realtà.

Valutare la competenza

Naturalmente, molte delle informazioni a cui adulti e bambini sono esposti sono il risultato di incontri con altre persone. Tuttavia, non crediamo a chiunque. Gli adulti sono molto più propensi a credere che un determinato tipo di cibo non faccia bene se lo sentono dire da un medico conosciuto su LinkedIn, piuttosto che se lo sentono dire da un amico teorico della cospirazione su Facebook.

La ricerca ha dimostrato che i bambini fanno la stessa cosa. Quando ai bambini partecipanti a uno studio è stato chiesto di decidere se un nuovo tipo di pesce fosse reale o meno, erano più propensi a credere che l’animale esistesse se lo affermava un guardiano dello zoo, una persona considerata esperta, piuttosto che se lo affermava un cuoco, un non esperto.

Come possono gli adulti aiutare i bambini a distinguere la fantasia dalla realtà?

I bambini sanno che gli adulti sono più esperti di loro e quindi sono più propensi a credere alle informazioni che gli adulti condividono con loro piuttosto che a quelle che provengono da altri bambini. Di conseguenza, gli adulti possono svolgere un ruolo importante nell’aiutare i bambini a capire la differenza tra fantasia e realtà.

In particolare, i genitori e i tutori possono fornire una guida durante la narrazione di storie, la lettura, la visione di TV o film o l’interazione con i contenuti online, semplicemente rispondendo alle domande dei bambini e aiutandoli a ridurre al minimo i fraintendimenti su cosa è reale e cosa no. I programmi di alfabetizzazione ai media, quando sono disponibili, possono aiutare i bambini a distinguere la fantasia dalla realtà.

Detto questo, se vostro figlio crede a Babbo Natale o a Big Bird, la studiosa di psicologia Jacqueline Woolley dice che non c’è motivo di scoraggiarlo. I bambini non arrivano a diffidare degli adulti quando imparano che queste figure di fantasia non sono reali.

Inoltre, il coinvolgimento con queste figure dà ai bambini la possibilità di sviluppare le loro capacità di distinguere la fantasia dalla realtà. Inoltre, in un modo o nell’altro, quando i bambini raggiungono la prima adolescenza, hanno acquisito abbastanza conoscenze e sono maturati a tal punto che la loro attitudine a discernere la fantasia dalla realtà è simile a quella di un adulto.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it