11 modi per vivere felicemente da single

11 modi per vivere felicemente da single Autoconsapevolezza

La fonte della felicità è stata spesso fraintesa. Alcuni dicono che l’emozione viene da dentro. Altri sono sicuri che provenga da persone, titoli e beni materiali. Molti di noi sono cresciuti credendo a questo mito e, così facendo, si sentono costretti a inseguire l’idea di felicità di qualcun altro. Ci costringiamo a socializzare, a inseguire il successo o a impegnarci in una relazione sentimentale per essere felici.

Niente di più sbagliato. Credere a questo mito non solo mette in dubbio la capacità di essere la fonte della propria felicità, ma può anche influire sulla salute. È possibile imparare a essere felici da soli e da single e godere dei benefici di questo viaggio che cambia la vita.

Prima di fornirvi 11 modi pratici per realizzare questo cambiamento di stile di vita, vi spiegherò la differenza tra l’essere soli e la solitudine. Se siete introversi, probabilmente sapete già che andare in letargo non è affatto devastante. L’obiettivo finale è convalidare la vostra convinzione di essere sufficienti e capaci di vivere da single e felici.

C’è differenza tra essere soli ed essere solitari?

Sì. Essere soli significa scegliere di stare nel proprio spazio, pur rimanendo con i piedi per terra e ottimisti nei confronti della vita. Il vostro mondo non ruota necessariamente intorno alle persone, né si ferma quando una relazione o un’amicizia va in pezzi.

La vita va avanti perché si è in grado di considerare queste esperienze come parte integrante della vita.

Gli individui meno socievoli, e gli introversi in particolare, possono confermarlo. Gli introversi sono timidi, riservati e casalinghi per natura. Se siete introversi, vi sentite più energici e felici, e addirittura prosperate in solitudine.

Sebbene possiate apprezzare il valore dell’interazione sociale e dell’amore, non crollate a causa di una rottura.

Siete in grado di ritirarvi nel vostro luogo di conforto, di elaborare la perdita e di rimanere equilibrati. Queste qualità consentono alle persone introverse di vivere da single, felici e soddisfatte, con o senza legami sentimentali o una serie di amici.

La solitudine, invece, è descritta clinicamente come una sensazione negativa che interferisce con la capacità di apprezzare il significato della vita. Questa sensazione può essere provocata dall’isolamento dalla vita sociale e di solito si traduce in un senso di disconnessione. Ironicamente, ci si può sentire soli anche in mezzo ad amici e persone care.

Gli esseri umani sono destinati a essere creature sociali, quindi sentirsi soli di tanto in tanto è normale. Tuttavia, un periodo prolungato di solitudine può portare a un declino della salute fisica e mentale.

I ricercatori hanno trovato un legame tra la solitudine cronica e l’isolamento e condizioni di salute come l’ipertensione, l’ansia e la depressione.

Come proteggersi dalla solitudine e dalla depressione

Se vi sentite spesso soli, ci sono modi per uscire dalla depressione prima che inizi a logorare la vostra salute mentale. Due passi fondamentali per prevenire la depressione sono cambiare la propria visione della vita e accettare che essere single non è una cosa negativa.

Se avete paura di essere giudicati negativamente, elaborate l’emozione e lasciatela andare.

Stare da soli significa scegliere di stare nel proprio spazio, pur rimanendo con i piedi per terra e ottimisti nei confronti della vita.

Un altro modo per proteggersi dalla solitudine e dalla depressione è appoggiarsi al proprio sistema di sostegno. Si tratta di una rete di persone fidate e confidenti che possono offrire empatia, convalidare i sentimenti e fornire parole di incoraggiamento.

Altri strumenti o soluzioni utili sono

  • Affermazioni positive: È dimostrato che le affermazioni aumentano l’autostima e la fiducia in se stessi e cambiano la prospettiva di vita di una persona. Tre delle mie affermazioni preferite per superare il senso di solitudine sono “Io sono abbastanza”, “La mia vita ha un significato” e “Io irradio felicità”.
  • Applicazioni per la salute mentale: Le applicazioni per il benessere mentale possono essere facilmente scaricate sul vostro smartphone o tablet. Sentitevi liberi di usarle a vostro piacimento per imparare abilità di coping positive o migliorare il vostro umore. Uno studio del 2018 ha suggerito che le app per la salute mentale si sono rivelate preziose per fornire un trattamento psichiatrico supplementare e aiutare i pazienti ad autogestire la propria condizione.
  • Terapia: Anche se le app per la salute mentale sono utili, non possono sostituire il trattamento da parte di un terapeuta in carne e ossa. Problemi come l’ansia e la depressione causati dalla solitudine possono essere trattati con la terapia cognitivo-comportamentale. Un aspetto fondamentale della CBT è quello di fornire le competenze e gli strumenti per affrontare i pensieri, le emozioni e le situazioni che ci fanno sentire giù e infelici.

11 modi per vivere felicemente da single

11 modi per essere felici da soli e da single

Non mancano i consigli su come essere felici da soli. Preparatevi a scoprire 11 potenti consigli per vivere una vita piena e gratificante nonostante la vostra attuale situazione sentimentale.

1. Abbracciate il vostro essere single

Il matrimonio e le relazioni sentimentali hanno i loro benefici, ma anche la loro parte di stress. Ora che è passato, è il momento di concentrarsi sui vantaggi dell’essere single.

I primi due che ci vengono in mente sono la libertà e il tempo da dedicare a se stessi. Secondo Marriage.com, infatti, da soli e da single si può godere di maggiori livelli di felicità.

Siate grati per la vostra condizione di single. Accoglietela come un’opportunità per conoscere voi stessi a un livello più profondo, per flirtare liberamente o per godervi una relazione platonica.

Avete l’indipendenza di vivere la vita alle vostre condizioni, di fissare e perseguire nuovi obiettivi o di portare a termine progetti che erano stati messi in secondo piano.

2. Ricordare a se stessi che essere soli non è strano

Gli introversi e coloro che sono single da un po’ di tempo sono talvolta giudicati in modo ingiusto e severo. Vengono descritti con etichette avvilenti come “anormale”, “strano” o “merce avariata”.

Forse perché la società sopravvaluta le relazioni e guarda dall’alto in basso le persone che fanno tesoro della solitudine. In questo modo, si viene visti come una rottura della tradizione e delle norme perché si sceglie di vivere da soli. Le persone sfacciate sono propense a chiedere: “Cosa c’è di sbagliato in te, perché sei single?”.

Questa è la vostra vita personale. Siete voi a controllare la narrazione. Siete voi a stabilire le regole e non dovete spiegazioni a nessuno. Vivere da soli è perfettamente normale e può essere altrettanto o addirittura più soddisfacente che avere una relazione.

Non c’è bisogno di sentirsi male con se stessi o di buttarsi in una relazione solo per adattarsi.

3. Abbandonare il disgusto per se stessi

L’autodisprezzo è quel sentimento di fondo di odio verso se stessi. I segnali più comuni sono l’estrema autocritica e il sentirsi indegni o immeritevoli di cose belle come il successo, la felicità e l’amore.

Ad esempio, dire a se stessi: “Sono single perché sono un perdente” o “Non sarò mai felice se non sto con qualcuno”.

Questa è la voce critica interiore che parla e fa un buon lavoro creando dubbi e infelicità.

Per sperimentare la felicità che cercate, dovrete reagire. Dovrete domare il vostro critico interiore. Potete combattere il disgusto di voi stessi attraverso l’accettazione di voi stessi, l’amore per voi stessi e l’autocompassione. Così facendo, inizierete a sentirvi molto più sicuri della vostra decisione di stare da soli.

4. Costruite il vostro sistema di supporto

Potreste non rendervi conto del valore di avere nella vostra cerchia persone che vogliono sinceramente il meglio per voi finché non vi trovate di fronte a delle sfide. Possono essere amici, colleghi, familiari o chiunque altro di cui vi fidate.

Sono le persone che formano il vostro sistema di sostegno e che vi daranno conforto emotivo o fisico quando sarà necessario.

È un buon momento per raggiungere e stabilire questi legami.

Le persone che hanno un forte sistema di sostegno di solito trovano più facile affrontare l’angoscia, la preoccupazione e l’ansia di essere soli. Di solito c’è una persona fidata che convalida i vostri sentimenti.

Vi lascerà sfogare senza critiche o giudizi e vi fornirà una nuova prospettiva quando necessario. È probabile che dopo questo incontro vi sentiate più allegri, sapendo che qualcuno vi copre le spalle.

5. Fate una lista delle vostre attività preferite da soli

Anche se siete resistenti, ci sono momenti in cui la solitudine e i dubbi su voi stessi si insinuano, lasciandovi in uno stato di depressione. Potreste persino dubitare della vostra capacità di raggiungere la felicità da soli.

Avere a disposizione un elenco delle vostre attività preferite può servire come distrazione mentale e ridurre l’ansia o la disperazione.

Gli introversi sono timidi, riservati e casalinghi per natura. Se siete introversi, vi sentite più energici e felici, e addirittura prosperate in solitudine.

Fate un passo avanti ed elencate le cose veloci, facili e pratiche che potete fare ogni volta che iniziate a dubitare di voi stessi. Le attività possono essere leggere, guardare la TV, meditare, scrivere un diario, camminare o fare yoga.

Tenete l’elenco a portata di mano, ad esempio in tasca o a portata di mano sul frigorifero o su una lavagna.

Non appena iniziate a sentirvi soli o a dubitare di voi stessi, scegliete una di queste attività e reagite!

6. Innamoratevi di VOI

Ci sono molti consigli su come essere felici da soli, ma molti di essi omettono questo suggerimento cruciale. Le persone confessano di essere felici quando c’è qualcuno nella loro vita sentimentale. Per questo motivo, alcuni inseguono le relazioni alla ricerca di qualcuno che li ami e riempia il loro “vuoto” interiore.

Trovano difficile rimanere single, anche se questo significa avere una relazione tossica. Altrimenti, vengono sopraffatti da un senso di vuoto e di inutilità.

Innamorarsi di se stessi o aumentare l’amore per se stessi aiuta a soddisfare questo desiderio. Si diventa fonte di amore e artefici della propria felicità. Potete iniziare questo viaggio usando affermazioni di amore per se stessi, come “So di essere completo senza un’altra persona” e “Ho tutto ciò di cui ho bisogno nella vita per essere felice”.

7. Perseguire le proprie passioni

Riempire la vostra vita con le cose che vi appassionano è un altro modo per migliorare la felicità e il benessere generale. Può trattarsi di beneficenza, streaming di podcast, collezionismo d’arte o altri hobby.

La vostra passione può anche essere quella nuova carriera che era stata messa in pausa a causa di altri impegni.

Uno studio del 2015, pubblicato su The Annals of Behavioral Medicine, ha rilevato che i partecipanti che si dedicavano ad attività ricreative che li appassionavano sperimentavano meno stress e livelli più elevati di felicità.

Non solo, ma inseguire le cose che ci appassionano può essere emotivamente gratificante in molti modi. Potreste trarre un senso di scopo e persino di euforia, soprattutto se il vostro lavoro contribuisce a migliorare la vita degli altri.

8. Evitare di confrontarsi con gli altri

Sapete che un modo semplice per invitare all’autodisprezzo e all’infelicità è quello di confrontare la vostra vita con quella di qualcun altro? Può essere difficile non cercare di vedere come la vostra vita sia all’altezza dei vostri coetanei o delle persone sui social media.

Alcuni sono sposati, hanno una relazione a lungo termine, hanno figli o vanno avanti con la loro vita.

Sembrano felici e non si può fare a meno di pensare che la propria vita non sia all’altezza. Forse vi chiedete dove avete sbagliato. Non è così.

Analizzare la propria situazione attuale con quella degli altri non fa altro che favorire l’insorgere di sentimenti negativi, come la gelosia, l’invidia o l’inferiorità. Partite dall’idea che siete UNICI.

Le scelte di vita sono vostre, compresa quella di essere felici da soli e single. Affermate le vostre esperienze attuali dicendo: “Sono dove ho bisogno di essere in questo momento della mia vita”.

9. Trovare pace e felicità nella spiritualità

Non sottovalutate il ruolo che la spiritualità può avere quando imparate a essere felici da soli. La spiritualità implica il collegamento con qualcosa di più grande di voi. Alcune persone credono che quel “qualcosa” sia un Dio, l’universo, un oggetto o un’idea.

La spiritualità può essere praticata attraverso la preghiera, la meditazione, le affermazioni, il canto, il diario o l’aiuto agli altri.

Chi pratica questo stile di vita dice di sentirsi risvegliato, più felice e più vivo. La vita sembra avere più significato di una semplice esistenza quotidiana.

Secondo un articolo di Chopra sulla correlazione tra spiritualità e felicità, “la spiritualità… incoraggia l’ottimismo e la ricerca di una vita gioiosa”. Inoltre, le persone spirituali tendono ad affrontare le sfide con più grazia e a gestire meglio lo stress.

10. Accogliere la solitudine quando si presenta

Le persone felici possono sentirsi occasionalmente sole. Anche se avere un sistema di supporto è fantastico, ci possono essere momenti in cui dovrete affrontare la solitudine da soli.

Potrebbe essere un giorno in cui i vostri confidenti non sono disponibili e siete costretti a fare affidamento sulla vostra forza interiore.

Avete l’indipendenza di vivere la vita alle vostre condizioni, di fissare e perseguire nuovi obiettivi o di portare a termine progetti che erano stati messi in secondo piano.

Cercate di non combattere i sentimenti. Mostratevi comprensivi e ricordatevi che siete umani. Come altri sentimenti fugaci, come la rabbia e la tristezza, anche questo passerà.

Forse potreste anche provare le affermazioni per la felicità e il pensiero positivo. Io le ripeto ogni volta che sento che sto per cadere di umore o che sto per essere sommersa da emozioni negative.

11. Vivere ora

Siamo più inclini a rimandare la vita piena, perché siamo abituati a pensare che la vita sia piacevole solo quando siamo accoppiati o circondati da molti amici.

Annuite se vi suona familiare: “Rimando i viaggi e le vacanze a quando sarò con l’uomo dei miei sogni”. “Aspetto di essere sposata per avere una casa”.

La vostra vita sta scivolando via e non c’è alcuna garanzia che troverete l’uomo dei vostri sogni o che vi sposerete. Anzi, potreste sentirvi amareggiate per non aver vissuto appieno la vostra vita.

Queste sono solo condizioni e aspettative che ostacolano la vostra felicità attuale. Nel frattempo, siate la vostra compagna e il vostro compagno di viaggio.

Non si tratta di pensare di non aver bisogno di nessuno, ma di sapere di essere sufficienti e di scegliere di vivere la vita al massimo, qualunque cosa vi capiti.

Riflessioni finali su come essere felici da soli e da single

Single e felici vanno di pari passo e non hanno nulla a che fare con l’isolamento sociale o il cinismo. I detrattori cercheranno di convincervi del contrario… ma non permettete a nessuno di farvi ripensare alla vostra scelta, basandosi sulle loro opinioni e sul loro sistema di credenze.

Piuttosto, rivolgete la vostra attenzione ai molti modi in cui potete raggiungere il vostro obiettivo di felicità e vivere una vita gratificante così come siete.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it