Come dire di no in modo educato e riavere il vostro tempo

Come dire di no in modo educato e riavere il vostro tempo Autoconsapevolezza

Mi sono trovato in una situazione che, credo, non sia l’unica. Quarantesimo compleanno, “feste” in memoria di un funerale, matrimoni, congedi, fidanzamenti, serate fuori… Queste cose sono state trascurate durante l’isolamento e ora stanno riaffiorando. Se si aggiunge anche il Natale, si prospetta un autunno e un inverno molto impegnativi.

Infatti, ecco quanto sta diventando sciocco: la vigilia di Natale sono stato invitato alla cena di Natale di un amico che era stata rinviata dallo scorso Natale. Quindi, di fatto, avrò due giorni di Natale consecutivi.

Per la cronaca, non voglio due giorni di Natale consecutivi! In pratica, sono passata dall’allontanamento sociale all’accumulo sociale alla velocità di un fattore di curvatura.

Il che mi ha fatto pensare a come dire “no”. È qualcosa con cui ho sempre lottato. Sono praticamente un uomo del “sì”, non perché voglia necessariamente dire “sì”, ma perché mi sento scortese quando dico “no”. Sono uno che piace alle persone. Il problema è che l’unica persona che non mi piace è me stesso!

Sono uno psicologo, quindi “capisco” cosa sta succedendo. In quanto esseri sociali, abbiamo paura di turbare gli altri. Abbiamo paura di perdere qualcosa. Ci piace far parte della folla. Abbiamo difficoltà a prendere decisioni. È più facile dire “sì”.

Ed ecco l’ironia. Per anni ho saputo a cosa volevo dire “no”, ma non sono mai riuscito a farlo.

Le conseguenze di accettare ogni richiesta sono impraticabili. Si riempie l’agenda di compiti poco importanti che non aggiungono alcun valore alla propria vita. Un calendario troppo fitto può sembrare opprimente. Il vostro impatto e la vostra produttività si affievoliscono. Anche se non lo ammettete apertamente, è probabile che vi sentiate arrabbiati, risentiti e ansiosi. L’eccesso di impegni rischia anche di danneggiare la vostra reputazione. Se deludete le persone o diventate noti come qualcuno che fa promesse vuote, la gente smetterà di fidarsi di voi.

FOMO

La paura di perdersi (FOMO) è un’altra ragione per cui le persone lottano contro i “no”. In quanto esseri sociali, basiamo le nostre convinzioni sui valori attuali della società. Attualmente, lo “status” è in cima alla lista. L’immagine e la popolarità sono molto apprezzate. Il successo si misura in termini materiali e in base al nostro aspetto e al modo in cui siamo percepiti dagli altri. C’è una certa soddisfazione nel guardare la propria agenda, vedere che è piena zeppa di impegni e pensare “Accidenti, guarda quanto devo essere importante, per avere tutte queste persone che si contendono la mia attenzione”.

Essere occupati è diventato un distintivo d’onore. Oggi la risposta standard alla domanda “Come stai?” è “Oh, sai, mi tengo occupato”.

Ecco quindi la brutale verità. Se manca qualcosa nella vostra vita, probabilmente siete voi! Pertanto, imparare a dire “no” significa iniziare a mettere se stessi al centro della propria vita.

Spesso condivido con il mio pubblico il seguente dato: l’uomo medio ha circa 2,5 miliardi di battiti cardiaci. Certo, è un numero abbastanza decente, ma se lo si analizza più a fondo equivale a 29.000 giorni o 4.000 settimane. Il tempo è una risorsa limitata. Gli orologi hanno occhi. Vi osservano, facendo scorrere la vostra vita.

Come dire “no” con educazione

Dire “no” con educazione è un’abilità preziosa. Anzi, direi che è un superpotere. Ecco quindi la mia guida per essere un uomo “no”, che inizia con due fatti: Primo, se ci si impegna si può fare tutto, ma non tutto. In secondo luogo, si può essere una brava persona, con un cuore gentile, e dire comunque “no”.

Solo di recente mi sono reso conto del fatto ovvio che ogni “sì” ha un costo di opportunità. Quando si dice “sì”, si dice “no” a qualcos’altro. Quindi, dire “sì” a un progetto di lavoro significa dire “no” al tempo dedicato alla famiglia. Dire “sì” a una serata fuori significa dire “no” a una serata tranquilla in casa. Dire “sì” a più serate fuori significa anche dire “sì” a più sbornie, oltre che “sì” alla stanchezza e al rimpianto.

Ecco quindi alcuni “no” soft touch. Potete perfezionarli nel vostro linguaggio, ma queste sono le basi:

  • Sono onorato ma non posso.
  • Vorrei essere in due.
  • Purtroppo non è un buon momento.
  • Mi dispiace, sono impegnato in un’altra cosa al momento.
  • Dannazione, non sono riuscito a incastrare questo!
  • Purtroppo ho un’altra cosa da fare.
  • No, grazie, ma sembra carino, quindi la prossima volta.

All’inizio sarà difficile. Potreste trovare più facile dire “no” via sms o e-mail mentre vi abituate a questo nuovo comportamento. Rilassatevi, il mondo moderno lo considera socialmente accettabile. Considerate gli sms e le e-mail come i vostri piccoli “no”. Piccoli passi nella giusta direzione.

Ho anche scoperto che è perfettamente accettabile dire che devo controllare l’agenda. Poi, dopo, declinare educatamente l’invito. Potete ammorbidire il “no” usando frasi già pronte con cui vi sentite a vostro agio e che potete modificare per adattarle alle diverse circostanze:

Collega di lavoro: “Ti andrebbe di venire al mio 50° anniversario?”.

La vostra risposta iniziale: “È molto gentile da parte tua, grazie per l’offerta. Controllerò la mia agenda e ti farò sapere”.

La vostra risposta successiva: “Ciao James, grazie per l’invito alla festa. Ho controllato la mia agenda e purtroppo non posso venire. Divertiti!”.

Nonostante ciò che il vostro cervello emotivo potrebbe credere, il “no” non deve necessariamente equivalere a un rifiuto. Se usato con semplicità e onestà, è una dichiarazione sulla vostra situazione attuale. Le persone capiranno che il “no” riguarda in realtà voi e che non è un rifiuto nei loro confronti.

Se siete una persona che dice raramente “no”, all’inizio le persone potrebbero essere sorprese di sentirvi dire questa parola. Non fatevi scoraggiare. Quando la userete più spesso, si abitueranno al fatto che esercitate il vostro diritto di scelta.

Dopo tutto, dire “no” fa risparmiare tempo per dire “sì” quando lo si desidera. Vi renderete presto conto di quello che ho capito io: meno è davvero meglio! La mia felicità e la mia sanità mentale non sono aumentate dalla quantità di eventi a cui partecipo, ma dalla qualità.

L’epidemia dell'”impegno”

La questione si riduce a un punto molto importante. “Occupazione” è una parola dell’era moderna. È entrata di soppiatto nel dizionario. L’indaffaramento è un’epidemia. Abbiamo troppe e-mail, appuntamenti, luoghi in cui essere e cose da fare. Imparare a dire “no” alle cose giuste vi fa passare da un essere umano che fa a un essere umano.

Concludo con un regalo. Questa è la mia e-mail di “no”, creata con cura per giustificarmi dalle cose che potrei fare, ma che escludono quelle che voglio fare davvero: Grazie mille per il suo gentile invito. Purtroppo sto cercando di recuperare un po’ di tempo nella mia vita dicendo “no” a cose interessanti a cui normalmente mi piacerebbe dire “sì”. Mi scuso per non aver detto “sì” questa volta. Spero che capirete.

Se tutto il resto fallisce, imbottite il vostro “no” con l’ultimo guanto di velluto e scegliete il classico di mia nonna: “Ti amo, ma no”.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it

Adblock
detector