Guida alla meditazione per principianti

Guida alla meditazione per principianti Autoconsapevolezza

Volete imparare a meditare, ma non sapete qual è il modo migliore per iniziare?

Oppure vi chiedete se la meditazione vi renderà davvero felici?

Oppure vi chiedete spesso come la meditazione possa aggiungere valore alla vostra vita?

Se una di queste domande vi suona familiare, continuate a leggere questa guida completa su come iniziare a meditare. Parleremo dei benefici della meditazione e dei diversi tipi di meditazione disponibili, e poi descriveremo nel dettaglio un piano passo dopo passo da utilizzare per costruire questa semplice pratica che aggiungerà una dose di felicità alla vostra vita.

16 benefici comprovati della meditazione

Se non conoscete i benefici concreti che la meditazione può apportare alla vostra vita, probabilmente non siete troppo interessati a dedicarle del tempo. Ma dopo aver letto questi 16 benefici della meditazione, vi affretterete a trovare lo spazio e il tempo per iniziare la pratica.

1. Arresta i pensieri e calma la mente.

Vi è mai capitato di rivivere nella vostra testa conversazioni passate per analizzare ciò che l’altra persona intendeva veramente? E di pensare a tutti i modi in cui un incontro futuro potrebbe andare a finire… soprattutto nel peggiore dei casi?

L’eccesso di pensieri spesso porta a una forte ansia. Ma poiché la meditazione porta un senso di calma, aiuta a controllare i pensieri e le emozioni. Numerose ricerche hanno dimostrato come la calma della meditazione possa ridurre i pensieri ansiosi e aiutare le persone a riorientare il proprio pensiero.

2. La meditazione riduce lo stress e l’ansia e rilassa il corpo.

La meditazione promuove la “risposta di rilassamento”, che è una tecnica che combatte la “risposta di lotta o di fuga”. La reazione innata della risposta “combatti o fuggi” varia da persona a persona a seconda delle esperienze passate. Ad esempio, se una persona ha subito un incidente stradale traumatico, la prossima volta che si troverà a bordo di un’auto potrà provare maggiore stress rispetto a chi non ha mai avuto un incidente stradale.

La risposta “combatti o fuggi” è quella che sperimentiamo nei momenti di stress. Questa risposta fisiologica allo stress comprende spesso un battito cardiaco accelerato, una respirazione accelerata, tensione muscolare e sudorazione. La meditazione riduce questi sintomi abbassando la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna mentre si rilassano intenzionalmente i muscoli.

3. La meditazione favorisce una migliore qualità del sonno.

Vi svegliate al mattino con la sensazione di essere esausti invece che riposati? Un modo economico per sconfiggere l’insonnia è la meditazione. Gli studi dimostrano che chi si dedica alla meditazione mindfulness può migliorare le proprie abitudini di sonno.

La meditazione aumenta la produzione cerebrale di melatonina, prodotta dalla stessa area del cervello che controlla i cicli sonno/veglia. Grazie a questo aumento dei livelli di melatonina, il sonno sarà più riposante. La meditazione aumenta anche i livelli di serotonina, che tra l’altro aiutano a regolare il sonno.

4. La meditazione stimola la produttività e la creatività.

La psicologa cognitiva Lorenza Colzato sostiene che la meditazione è un modo efficace per stimolare il pensiero divergente. Il pensiero divergente è un fattore chiave che aumenta la creatività e la produttività.

Se siete persone che devono spesso essere creative, probabilmente conoscete l’emozione che deriva dalla sfida di risolvere un problema. Ma può essere frustrante quando, nel tentativo di arrivare alla soluzione, si ripetono le stesse idee e gli stessi schemi di pensiero, senza arrivare a nulla. Nei momenti in cui si perde il flusso creativo, può essere difficile fare progressi.

La meditazione stimola la neocorteccia, l’area del cervello che si occupa del pensiero creativo. In effetti, alcuni studi hanno rilevato che le persone che meditano pensano in modo meno rigido rispetto a quelle che non lo fanno, il che consente loro di essere più creative.

5. Costruisce relazioni più felici e più forti.

Uno studio sulla meditazione e la felicità spiega che la meditazione mindfulness e l’autocompassione sono predittori di felicità. Essere in uno stato di felicità permette di mantenere una prospettiva positiva e di avere relazioni migliori e più forti con le altre persone.

Inoltre, per avere relazioni positive con gli altri, è necessario avere una relazione positiva con se stessi. Questa attività calmante e di concentrazione può aiutarvi a entrare in contatto con il vostro vero io e più rispetto avete per voi stessi, meglio riuscirete a mantenere le relazioni. Le relazioni con gli altri ne trarranno beneficio quando avrete una maggiore pace interiore.

La meditazione può anche insegnare il potere del perdono. Il rifiuto di perdonare qualcuno può rovinare una relazione, ma praticando la meditazione si può imparare a superare i propri problemi e a proseguire nel processo di guarigione. La meditazione aiuta le persone a concentrarsi sulla creazione di legami duraturi e di relazioni a lungo termine con altre persone.

6. La meditazione riduce il senso di solitudine.

“Psychology Today” riporta che la meditazione è un rimedio alla solitudine. Permette al cervello di accettare e comprendere le cose che rendono tristi, soli o depressi.

Gli studi hanno dimostrato che praticare la meditazione mindfulness insegna alla mente a prestare attenzione al momento attuale, anziché soffermarsi sugli eventi passati o proiettarsi nel futuro. La semplice capacità di apprezzare il momento presente riduce i sentimenti di solitudine.

7. Sviluppa la forza emotiva e la resilienza.

Secondo una ricerca di Badri Bajaj e Neerja Pande, la resilienza psicologica è più evidente nelle persone consapevoli. Esse hanno la capacità di affrontare meglio di altri le situazioni di stress e le emozioni negative.

Questo può essere dovuto al fatto che chi pratica la meditazione è in grado di riconoscere i pensieri negativi quando si presentano e di superarli. Non si soffermano sullo stress o sulle emozioni negative che si presentano. Piuttosto, possono riconoscere i sentimenti e poi riorientare i loro pensieri.

8. La meditazione coltiva un senso di compassione.

Un articolo di “Greater Good Magazine” spiega che la meditazione ci aiuta a sviluppare la compassione verso noi stessi e verso gli altri. Invece di preoccuparsi, la meditazione insegna a controllare i sentimenti e le emozioni. Quando si medita, si sviluppa un senso di autoconsapevolezza che permette di entrare in contatto con le proprie emozioni. Questa consapevolezza aiuta a cogliere i sottili segnali che il corpo e l’umore inviano e a regolarsi di conseguenza.

Inoltre, è stato dimostrato che le persone che meditano non soffrono di stanchezza da compassione. L’affaticamento da compassione si verifica quando le persone si chiudono emotivamente e si allontanano dagli altri che soffrono per proteggersi da un trauma vicario. Chi medita è in grado di proteggersi naturalmente dai sentimenti di angoscia che provano gli altri e di agire invece con compassione per facilitare la guarigione.

9. Migliora l’attenzione e la concentrazione.

La meditazione rilassa innanzitutto il cervello per eliminare lo stress. Quando ciò accade, il cervello diventa più funzionale e si impara a concentrarsi. Un’altra possibile spiegazione dell’aumento della concentrazione in seguito alla meditazione è l’aumento delle frequenze delle onde cerebrali gamma.

Queste onde cerebrali consentono alle persone di avere una migliore percezione della realtà grazie a una maggiore percezione sensoriale. Questo aumenta anche la concentrazione generale e migliora la capacità di elaborare rapidamente le informazioni e di ricordarle in seguito.

La meditazione aiuta anche a migliorare l’attenzione e la concentrazione perché permette al cervello di attraversare il processo di “sincronizzazione dell’intero cervello”. Durante questo processo, gli emisferi cerebrali destro e sinistro lavorano insieme, il che consente di aumentare le prestazioni del cervello. Questo è fondamentale per la concentrazione generale, in quanto consente di recepire le informazioni e di elaborarle in modo efficiente.

10. La meditazione fornisce chiarezza mentale e prontezza.

La pratica della meditazione sviluppa la capacità di essere “presenti”, permettendo alla mente di allontanarsi da distrazioni e pensieri inutili. Poiché consente di rimanere calmi e rilassati, la mente diventa chiara e pienamente consapevole di ciò che accade intorno a noi.

La meditazione aiuta a fornire consapevolmente ossigeno al cervello mentre ci si concentra sul respiro. Avete mai notato che trattenete il respiro mentre leggete un’e-mail o state pensando profondamente? C’è persino un termine per definirlo. L'”apnea da e-mail” è quando ci si dimentica di respirare mentre si lavora. Questo termine è stato creato perché l’80% delle persone dimentica di respirare quando usa un dispositivo elettronico. La meditazione vi insegnerà a respirare profondamente e a dare alle vostre cellule l’ossigeno di cui hanno bisogno.

11. Migliora le prestazioni cognitive generali.

Soprattutto in età avanzata, la meditazione migliora le funzioni cognitive complessive e sostiene la salute mentale generale. Uno studio del 2014 spiega che la meditazione può contrastare l’insorgere di malattie neurodegenerative in età avanzata. I cambiamenti cerebrali che si verificano durante la meditazione e la riduzione dello stress che essa comporta possono rallentare la progressione di disturbi cognitivi come il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza.

Inoltre, la meditazione aumenta la neuroplasticità, cioè la capacità del cervello di cambiare forma fisica e di alterare il proprio funzionamento in base alle esperienze personali. La meditazione è associata a un aumento dello spessore corticale, che è legato a una maggiore capacità di attenzione e a una migliore elaborazione sensoriale. Inoltre, la meditazione a lungo termine è collegata a un aumento della quantità di materia grigia nel cervello, che è direttamente correlata alla funzione cognitiva.

12. La meditazione inibisce l’insorgere di disturbi mentali.

In relazione all’ultimo punto, la pratica della meditazione in giovane età può anche inibire l’insorgenza precoce di disturbi mentali in età avanzata. È stato dimostrato che la meditazione riduce lo stress e la produzione di cortisolo (l’ormone dello stress).

Inoltre, poiché la meditazione aiuta a migliorare il sonno, ogni notte si concede al cervello un tempo sufficiente per ripristinarsi e riposare prima dell’inizio del giorno successivo. In questo modo si mantiene la mente tranquilla e si riduce lo stress.

13. Funziona come antidolorifico.

La meditazione, e in particolare la meditazione mindfulness, è un modo economico per trattare il dolore cronico e le malattie. “Psychology Today” riporta che è stato dimostrato in studi clinici che la meditazione riduce il dolore del 57%. Se si continua a praticarla, si riuscirà a ridurre il dolore di oltre il 90%.

La meditazione ha diversi benefici che possono aiutare a ridurre il dolore. Per esempio, aiuta a prendere coscienza delle parti del corpo che non provano dolore e aiuta a notare come il dolore che si prova cambia di sensazione. Notando il dolore in questo modo, la sua intensità diminuirà e i sintomi si allevieranno.

14. La meditazione aumenta le difese immunitarie e i livelli di energia.

Secondo Mind Body Green, quando si medita aumenta l’attività elettrica nella parte sinistra del cervello. Questa attività elettrica rigenera un maggior numero di cellule di difesa che possono rendere il sistema immunitario più forte ed efficiente.

La meditazione (in particolare una pratica che include lo yoga) rilascia endorfine. Le endorfine rilassano la mente e il corpo e aiutano a diventare fisicamente capaci di svolgere attività con picchi di energia. Allo stesso tempo, diminuisce il cortisolo, che è importante quando si tratta di avere energia. Alcuni studi hanno rilevato che la meditazione può ridurre del 50% questa sostanza chimica che impoverisce l’energia, il che potrebbe effettivamente raddoppiare la vostra energia.

15. La meditazione aumenta il desiderio sessuale e la libido.

Quando si è stressati, i livelli di cortisolo e adrenalina nel corpo aumentano. Questi ormoni possono ridurre la libido e influire negativamente sulle prestazioni sessuali. Poiché lo scopo principale della meditazione è quello di alleviare lo stress, ciò significa che può migliorare anche la vita sessuale.

La meditazione può anche aumentare le endorfine nel corpo, che sono ormoni del benessere. Grazie a questo aumento dell’umore, sarete più propensi a desiderare di essere sessualmente attivi e fisicamente vicini a un’altra persona.

16. La meditazione regola i livelli di pressione sanguigna.

WebMD riporta che alti livelli di stress possono causare alcune irregolarità nei livelli di pressione sanguigna. Tra le altre cose, suggerisce di praticare la meditazione per combattere i segni e i sintomi dello stress in modo naturale. Allo stesso modo, uno studio del 2012 ha concluso che la meditazione può gestire i livelli di pressione sanguigna.

La pratica della meditazione può avere un impatto positivo sull’attività del sistema nervoso autonomo, che regola la pressione sanguigna. In particolare, la meditazione può ridurre il restringimento dei vasi sanguigni in caso di stress e aumentare l’allargamento dei vasi sanguigni.

Ora che sapete perché dovreste meditare, vediamo alcune opzioni su come farlo.

Guida alla meditazione per principianti

7 tipi comuni di meditazione

Secondo alcune fonti, esistono molti tipi di meditazione, ma ecco quelli più popolari e diffusi:

1. Meditazione Mindfulness

Questo tipo di meditazione allena a concentrarsi su ciò che si pensa o si sente al momento. Potete concentrarvi sui vostri pensieri, sentimenti o sensazioni. Questa forma di meditazione è pensata per aiutarvi a sviluppare l’abilità di prestare attenzione alle vostre esperienze con accettazione e compassione. La consapevolezza è una qualità che probabilmente già possedete, ma forse non vi è stato ancora insegnato come usarla.

La meditazione mindfulness non giudica e invita ad accogliere tutto ciò che entra nella vostra consapevolezza, sia dentro che fuori di voi. Quando praticate intenzionalmente la meditazione mindfulness, prestate deliberatamente attenzione a voi stessi e a ciò che vi circonda, permettendovi di vivere più pienamente e di essere più presenti nella vostra vita.

Nella meditazione mindfulness è utile anche incorporare affermazioni positive o mantra nei vostri tentativi di meditazione. Questi mantra possono aiutare a concentrarsi e a facilitare la meditazione.

2. Meditazione di amorevolezza

Uno degli stili di meditazione più importanti, questo tipo di meditazione permette di concentrare le energie per sentire il calore dell’amore, della gentilezza e di altri sentimenti positivi. Questa meditazione si concentra sull’imparare ad ammorbidire la mente e il cuore e ad aprirsi a livelli più profondi di puro amore e gentilezza. L’amorevolezza non è un sentimento emotivo di benevolenza o un obbligo nei confronti di un’altra persona, ma viene da un luogo altruistico.

Il sentimento di amorevolezza non dipende da ciò che un’altra persona prova per voi. Il processo consiste nell’ammorbidire se stessi e nell’abbattere le barriere personali, per poi abbattere le barriere che si provano nei confronti degli altri. Le persone che praticano questo tipo di meditazione possono perdonare facilmente, entrare in contatto con gli altri e praticare l’amore per se stessi.

3. Meditazione trascendentale

Questa tecnica di meditazione promuove uno stato di rilassamento aiutando a evitare pensieri e sentimenti distraenti. Coloro che praticano questo tipo di meditazione dicono che li porta in uno stato di pura coscienza. La pratica consiste nel sedersi due volte al giorno e ripetere un mantra per 15-20 minuti con gli occhi chiusi. La meditazione trascendentale è così popolare che è stata incorporata nelle scuole, nelle aziende e nei programmi carcerari di tutto il mondo.

4. Meditazione zen

La meditazione zen è la pratica di preparare il corpo e la mente alla calma per aprirsi all’esplorazione della natura del proprio essere. Sedendosi in posizioni specifiche e rilassando la mente, il battito cardiaco e la respirazione rallenteranno e si entrerà in uno stato mentale riflessivo e meditativo.

Originaria della Cina, questa tecnica di meditazione buddista permette di approfondire il proprio stato spirituale. Permette di sperimentare chiarezza mentale e capacità di lavoro. Sebbene sia originaria della Cina, il termine “Zen” è una parola giapponese che significa “meditazione”.

5. Kundalini Yoga

L’obiettivo del Kundalini yoga è quello di aumentare la vitalità e la coscienza di una persona. Questa pratica è una miscela di meditazione fisica e spirituale, che utilizza una combinazione di movimento dinamico, respirazione, concentrazione e canto di mantra.

Quello che è diventato noto come “Kundalini yoga” moderno è in realtà una combinazione di molte tradizioni, tra cui il bandha, il pranayama e l’asana yoga, il kriya yoga di Patañjali, la visualizzazione tantrica del laya yoga e altre tecniche di meditazione orientate al risveglio dell’energia spirituale alla base della spina dorsale. Praticando questa forma di meditazione, le persone sperano di poter raggiungere il loro pieno potenziale e di scoprire lo scopo della loro vita.

6. Meditazione spirituale

Questo tipo di meditazione permette al proprio io interiore di connettersi a qualcosa di più profondo del proprio essere. Permette di riflettere sui propri comportamenti fino a diventare pienamente consapevoli del proprio essere spirituale. Mentre la meditazione laica non implica credenze su realtà non materiali, la meditazione spirituale è qualsiasi tipo di meditazione in cui il contesto della pratica si evolve intorno a oggetti o astrazioni non materiali, come la preghiera o le meditazioni devozionali.

7. Meditazione Vipassana

Mentre la maggior parte delle forme di meditazione enfatizzano la concentrazione o la tranquillità, questa tecnica si concentra sull’intuizione e sulla chiara consapevolezza di ciò che accade intorno a noi, con l’obiettivo finale di sperimentare la liberazione. La meditazione Vipassana è nata in India e aiuta a trasformarsi in una persona migliore attraverso l’auto-osservazione. Concentra il pensiero sulla profonda connessione tra la mente e il corpo.

Nella meditazione vipassana, si usa la concentrazione come strumento per eliminare le illusioni che ci separano dalla realtà. Si tratta di un processo lento che aumenta gradualmente la consapevolezza della realtà. Ci vogliono anni, ma alla fine si riesce a superare le illusioni e a trovare la luce della realtà. A questo punto la trasformazione permanente della liberazione è completa.

Questi sono i diversi tipi di meditazione, ma probabilmente vi state ancora chiedendo come praticarli. Vediamo una guida per iniziare le vostre pratiche meditative.

Come meditare: Guida in 14 passi per principianti

1. Programmate un orario e un momento per la vostra tecnica di meditazione.

Siete una persona impegnata, con molte cose da fare. Ma se volete iniziare seriamente a praticare la meditazione, dovete trovare il tempo per farlo. Eliminate tutte le scuse che avete usato in passato per evitare di imparare la meditazione.

Se avete intenzione di farlo, dovete impegnarvi a farlo. Secondo “Psychology Today”, il momento migliore per la meditazione è prima di colazione.

2. Usate un suggerimento per motivarvi.

I suggerimenti aiutano a preparare il corpo alla meditazione (ad esempio, bere il tè al mattino o lavarsi i denti). Inviano al cervello il segnale che è arrivato il momento di meditare. Poiché la meditazione richiede che la mente sia in pace, non scegliete per la meditazione un’attività che stimoli la vostra mente, come un gioco eccitante al computer o un libro drammatico.

Prima della meditazione, evitate di dedicarvi ad attività che richiedono un grande dispendio di energia fisica o mentale. Alcune persone trovano utile fare un esercizio di rilassamento o un po’ di stretching per entrare nello stato mentale adatto alla meditazione.

3. Trovate un luogo tranquillo e confortevole per la vostra pratica.

Ci sono molti luoghi in cui si può meditare, ma non è importante dove si vuole farlo, purché sia un posto tranquillo e confortevole. Questo per evitare di essere interrotti durante la meditazione.

Cercate di creare uno spazio in casa vostra che rimanga ordinato e sereno per la vostra pratica di meditazione. Va bene anche se questo spazio è piccolo, purché non sia caotico. È meglio se avete uno spazio sacro che potete personalizzare a vostro piacimento.

4. Mettetevi comodi.

La posizione più comune per la meditazione è quella seduta. Questo non significa, però, che sia l’unica scelta possibile. Potete sedervi, inginocchiarvi o stare in piedi, a seconda di come vi sentite più a vostro agio. Inoltre, si consiglia di indossare abiti larghi per consentire una corretta respirazione.

Il punto è evitare qualsiasi distrazione fisica, come una sedia scomoda o una stanza fredda. Dovete essere in grado di concentrarvi sulla vostra consapevolezza, non sul dolore alle anche perché siete seduti su un pavimento duro.

5. Notate cosa fanno le vostre gambe.

Che siate seduti, in ginocchio o in piedi, assicuratevi che le vostre gambe siano comode. Scegliete un buon cuscino o una sedia per tenere le gambe rilassate durante la meditazione.

Non dovete usare attivamente i muscoli delle gambe per mantenere la posizione. Dovete trovare una posizione che permetta al vostro corpo di sentirsi sostenuto e stabile.

6. Sedetevi dritti, ma assicuratevi di essere rilassati.

Ci sono tre considerazioni da fare quando si sceglie la migliore posizione di meditazione: allineamento, rilassamento e immobilità. Siate come una marionetta attaccata a un filo. Sedete dritti, ma lasciate che la vostra colonna vertebrale si senta a suo agio.

Inspirate mentre sollevate le spalle verso le orecchie, poi espirate mentre le riabbassate. Questo vi aiuterà a posizionare correttamente la testa sul collo, mantenendo le spalle sopra i fianchi.

Mantenete questa colonna vertebrale alta e neutra per tutta la durata della pratica di meditazione. Se doveste sentirvi cadere in avanti, ripristinate la colonna vertebrale con questo movimento di respirazione e di rotazione delle spalle.

7. Sentite e pensate alle vostre braccia.

È possibile mantenere le braccia comode allentando la tensione. Lasciate che i gomiti si pieghino leggermente e mettete le braccia in posizione parallela alla parte superiore del corpo.

Successivamente, appoggiate i palmi delle mani sulle gambe, in grembo o sulle ginocchia. Anche in questo caso, trovate quello che funziona meglio per voi e seguitelo.

8. Ammorbidite lo sguardo.

Alcune tecniche di meditazione consentono di meditare con gli occhi aperti, mentre altre richiedono di tenerli chiusi. Ma secondo gli esperti di meditazione, una buona pratica sarebbe quella di ammorbidire lo sguardo guardando leggermente verso il basso. Forzare lo sguardo fa sì che gli occhi, il collo e il viso diventino tesi, ma una volta ammorbidito lo sguardo, tutti questi muscoli si rilassano.

Si può ammorbidire lo sguardo chiudendo gli occhi, facendo un respiro profondo e riaprendoli lentamente. Potreste dover sbattere le palpebre un paio di volte per ottenere lo sguardo giusto, ma alla fine riuscirete a trovare quello più confortevole per voi.

9. Mantenete tutto il corpo rilassato.

Questo deve essere fatto lentamente ma con costanza. Non rilassate le parti del corpo tutte insieme. Potete iniziare con le dita dei piedi, poi con i piedi e poi lasciare che il resto del corpo lo segua. Secondo Wildmind, mantenere il corpo rilassato è una “parte integrante del processo”, poiché non sarà possibile meditare con successo con una postura scomoda. Eseguite scansioni periodiche di tutto il corpo durante la sessione di meditazione per assicurarvi di rimanere rilassati.

10. Pensate al vostro scopo e alle vostre intenzioni.

Mindful suggerisce che, quando si medita, la pratica dovrebbe essere fatta con intenzioni e non con obiettivi. Si dovrebbe meditare perché si vuole meditare e non perché si vuole ottenere qualcosa attraverso di essa.

A differenza di un obiettivo, con un’intenzione non c’è un risultato richiesto: ci si connette semplicemente a ciò che si sta facendo. Un’intenzione non può fallire. L’obiettivo è semplicemente una parte dell’intenzione.

11. Concentratevi sulla respirazione.

Secondo gli esperti di meditazione, durante la meditazione bisogna lasciarsi andare a una respirazione naturale. Iniziate con diversi respiri profondi. Inspirate dal naso e poi espirate dalla bocca. Ma la cosa più importante è concentrarsi sul flusso dell’aria che entra ed esce dal sistema respiratorio.

Non abbiate fretta e non fate pause, ma trovate un ritmo regolare e uniforme. Tutto ciò che dovete fare è osservare la sensazione dell’aria che entra ed esce dai polmoni. Ogni volta che vi accorgete che la vostra consapevolezza si è allontanata durante la meditazione, reindirizzatela delicatamente al respiro.

12. Prestate attenzione alla mente che vaga e non combattete con essa.

I principianti di solito trovano la loro mente vagante quando iniziano a meditare. Mindful afferma che questo va benissimo e che non dovete forzarvi a dimenticare i vostri pensieri. Se vi accorgete che la vostra mente vaga durante la meditazione, tornate delicatamente al presente concentrandovi nuovamente sul respiro.

Alcune persone trovano utile contare i propri respiri se la loro mente vaga spesso o se tendono a lasciarsi trasportare da un pensiero passeggero. Ci vuole pratica per rimanere concentrati durante la meditazione, quindi non scoraggiatevi se all’inizio è difficile.

13. Dopo la meditazione, sollevate lentamente lo sguardo.

Alzando lo sguardo, il cervello inizierà a riconoscere i suoni, gli odori e l’atmosfera intorno a sé. Mentre ciò accade, prestate attenzione a ciò che provate internamente, sia fisicamente che mentalmente.

La durata del processo di meditazione dipende totalmente da voi. Per i principianti, tuttavia, si consiglia di iniziare con sessioni più brevi (ad esempio, 10 minuti). Una volta che vi sarete abituati alla meditazione, potrete iniziare a praticarla per periodi più lunghi.

14. Riportare l’attenzione al presente.

Quando avete finito di meditare, non saltate in piedi e non correte a fare la prossima cosa sulla vostra lista di cose da fare. Dovete prima riconoscere ciò che vi circonda. Muovete lentamente le dita dei piedi e delle mani, poi iniziate a muovere le mani, i piedi e il resto del corpo.

Prendetevi il tempo necessario per percorrere progressivamente tutto il corpo, dalla testa ai piedi, e “svegliatelo” con un po’ di movimento. Prendetevi un momento per notare l’ambiente circostante e ciò che accade intorno a voi. Praticate la gratitudine mentre vi prendete il tempo per apprezzare tutto.

Conclusione

Imparare l’arte della meditazione richiede duro lavoro, perseveranza e molta autodisciplina. All’inizio non sarà facile, ma una volta che avrete imparato a farlo e vi sarete abituati, tutti i vostri sforzi saranno sicuramente valsi la pena.

Come già detto, la meditazione può offrire molti benefici: salute fisica, salute mentale e persino stabilità emotiva. Può generare emozioni positive che possono portare a una vita più sana e felice.

In questo articolo abbiamo appreso cos’è la meditazione, quali sono i tipi di meditazione e come iniziare effettivamente la pratica della meditazione. Ma soprattutto abbiamo analizzato come la meditazione possa aumentare in modo significativo i sentimenti di felicità.

Ci auguriamo che, grazie a questi consigli, possiate iniziare con successo la vostra pratica, eliminare gran parte dello stress e, infine, diventare un essere umano più felice.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it

Adblock
detector