6 metodi che cambiano la vita per non sentirsi sempre soli

6 metodi che cambiano la vita per non sentirsi sempre soli Autoconsapevolezza

Sentirsi soli significa sentirsi isolati e lontani dalle persone che ci circondano. Anche chi ha molti “amici” è soggetto alla solitudine se ritiene che il valore di questi legami sia superficiale.

Quasi tutti si sentono soli di tanto in tanto. Ma di solito entriamo e usciamo dalla sensazione di solitudine quando la vita ci lancia nuove sfide da affrontare. Tuttavia, alcune persone soffrono di solitudine cronica. Si sentono sole e non sanno come fermare questa sensazione. Sembra impossibile liberarsi dalla sensazione di solitudine.

Se vi sentite isolati e non sapete come “non” sentirvi soli, questo articolo è per voi. L’intero articolo vi fornirà sei strategie attuabili per affrontare la sensazione di solitudine.

Come non sentirsi soli

1. Capire i fatti della solitudine

Tutti ci sentiamo soli a volte. A seconda dello studio a cui si crede, tra un americano su cinque e il 50% degli adulti americani si sente solo. Si tratta di un gran numero di persone sole. Se tutte le persone sole si connettessero, nessuno si sentirebbe più solo.

La creatività fa sentire meglio e aiuta a dimenticare la solitudine. Se vi sentite soli, provate a disegnare qualcosa. Scrivete una poesia. Scrivete un diario. Scrivete un libro o un post su un blog. Costruire qualcosa. Dedicarsi a un hobby creativo. O semplicemente provare una terapia artistica come la colorazione per adulti.

Domani è un altro giorno. Ricordatevi che la vita è piena di alti e bassi. Tutti hanno giorni difficili in cui si sentono isolati e soli e tutto sembra andare storto. Ricordate che domani è un nuovo giorno. Siate ottimisti, perché potete sempre fare in modo che il giorno dopo sia uno dei grandi giorni “alti”, anziché un giorno basso che vi schiaccia l’anima.

Comprendete i temi comuni che sono associati all’eccessiva solitudine:

  • Lavorare troppo a lungo o troppo spesso
  • Non lavorare abbastanza
  • Affrontare una salute cagionevole
  • Disgregazione della famiglia
  • Perdita di mobilità
  • Figli che crescono
  • Pensionamento
  • Troppo tempo trascorso online

Tutti ci sentiamo soli a volte. Ricordatevi che la vita è piena di alti e bassi. Ognuno di noi ha dei brutti giorni in cui si sente isolato e solo e tutto sembra andare storto.

2. Come non sentirsi soli al lavoro

La solitudine non ha solo un impatto sulla persona, ma anche sull’intero ambiente di lavoro.

L’impatto della solitudine sul posto di lavoro è di miliardi di dollari di perdita di lavoro per problemi di salute. Altri miliardi in perdita di produttività. E altri miliardi sono dovuti ai lavoratori infelici che si perdono (e i cui sostituti devono essere riqualificati).

È quindi opportuno che i dirigenti cerchino di essere più inclusivi nei loro luoghi di lavoro, non solo da una prospettiva umanitaria di “aiuto agli altri”, ma anche da una sana prospettiva economica. I lavoratori felici e ben integrati lavorano meglio e sono più fedeli alle loro aziende.

Questa sezione è suddivisa in due sottosezioni.

  1. Cosa dovreste fare voi per non sentirvi soli al lavoro e
  2. Cosa dovrebbero fare i dirigenti e i colleghi per creare un ambiente di lavoro più inclusivo.

Passi da fare per smettere di sentirsi soli al lavoro

1. Non date per scontato che le persone non siano interessate a voi.

Le persone che si sentono sole si sentono isolate e pensano che nessuno sia interessato a loro o alla loro vita. Perciò spesso allontanano le persone. Non cadete in questa trappola. I luoghi di lavoro sono talvolta soggetti a cricche, ma questo non significa che le cricche non siano interessate a farvi entrare se vi mostrate interessati.

2. Parlare del proprio lavoro.

Molte persone ritengono che non sia opportuno parlare del proprio lavoro con la famiglia o gli amici, pensando che gli altri non capiscano o non si interessino. Purtroppo, questo non fa altro che costruire muri e creare isolamento tra voi e le persone che amate.

Quando parlate del vostro lavoro con gli altri (al lavoro e a casa), questi apprezzano la comprensione di ciò che fate e potrebbero avere delle ottime intuizioni per voi (dal momento che vedono il vostro lavoro come un estraneo con un’esperienza diversa).

3. Non mangiate mai da soli.

Fate in modo di pranzare con un collega o di incontrare amici e familiari in un ristorante lontano dal lavoro. Se avete problemi a sentirvi soli, è importante non limitarsi a prendere il pranzo alla scrivania e continuare a lavorare. Questo porta al burnout.

4. Collaborare con gli altri.

Come dice il proverbio, “nessun uomo è un’isola”. Non otterrete alcun successo misurabile se cercate di fare tutto da soli.

5. Fate i complimenti ai vostri collaboratori.

Le persone amano i complimenti. È la natura umana. Non sto dicendo di essere un “leccaculo”, ma di trovare motivi genuini per fare complimenti agli altri. Dare agli altri un feedback positivo sul loro lavoro li apre a voi. È più probabile che stringano amicizia con voi e che vi restituiscano il favore di un feedback positivo quando ottenete dei successi sul posto di lavoro.

6. Non ignorate la vostra vita privata.

Gli studi dimostrano che le persone che vivono una vita vivace al di fuori del lavoro possono gestire meglio il lavoro che può naturalmente portare a un po’ di isolamento e solitudine. È importante abbandonare il lavoro in queste situazioni e godersi la propria vita al di fuori del lavoro.

Non cadete mai nella trappola di ignorare la vostra vita personale oggi per raggiungere il successo o lavorare per migliorare la vostra vita personale in futuro. Quanto peggiore è il vostro lavoro, tanto maggiore sarà il tempo e l’impegno che dovrete dedicare a una vita personale eccellente per compensarlo.

Come i dirigenti e i colleghi possono contribuire a fermare la solitudine sul lavoro

Sarebbe bello se i dirigenti trattassero bene i loro dipendenti perché si preoccupano veramente del loro benessere (sono sicuro che alcuni lo fanno).

Ma anche se ai dirigenti non importa nulla della vita personale dei loro dipendenti, è importante che i datori di lavoro mettano un po’ di energia per evitare che i loro dipendenti si sentano troppo soli. Sembra che la solitudine abbia un enorme impatto sulle prestazioni lavorative.

Le persone che si sentono eccessivamente sole sul lavoro spesso diventano tra i peggiori dipendenti.

La solitudine sul lavoro porta a

  • cattiva salute
  • Più assenze per malattia
  • aumento delle richieste di assicurazione sanitaria
  • Pigrizia mentale
  • Scarso processo decisionale
  • Bassa produttività
  • Apatia verso gli obiettivi aziendali
  • Minore creatività e pensiero “fuori dagli schemi
  • Perdita di personale (e la necessità di riqualificare i nuovi dipendenti).

È molto più semplice prendere in considerazione la solitudine dei dipendenti e cercare di aiutarli a uscire dal loro isolamento.

  1. I supervisori di prima linea sono nella posizione migliore per identificare i lavoratori che soffrono di solitudine. Possono quindi agire in modo proattivo per cercare di farli entrare in contatto con i loro colleghi.
  2. I leader più in alto nell’azienda possono definire la politica aziendale per creare una visione condivisa per l’impresa. Quando i lavoratori si convincono di essere una parte importante del successo dell’azienda, iniziano a entrare in contatto con gli altri dipendenti e a festeggiare i successi dell’azienda come se fossero i propri.
  3. I supervisori dovrebbero celebrare i successi sul posto di lavoro come una “vittoria” di squadra per promuovere il cameratismo e lo spirito di corpo.
  4. I supervisori dovrebbero valutare periodicamente lo stato attuale dell’interazione sociale dell’azienda, chiedendo ai dipendenti se si sentono apprezzati.
  5. La vivacità dei legami sociali tra i dipendenti dovrebbe essere una priorità strategica dell’intera organizzazione per qualsiasi azienda.
  6. I supervisori dovrebbero incoraggiare i dipendenti a lavorare insieme e ad aiutarsi a vicenda. Il lavoro non deve essere un caso di “pugnalare l’altro alle spalle per vincere”, ma un caso di “marea montante che solleva tutte le barche”.
  7. I leader dovrebbero incoraggiare i loro dipendenti a cercare aiuto per la solitudine, quando necessario.

3. Come non sentirsi soli a casa

Connettersi con un animale domestico. Un animale domestico affettuoso può aiutare ad alleviare alcuni dei sentimenti di solitudine. I nostri animali domestici ci amano incondizionatamente. Avere un cane o un gatto che viene a sedersi con voi quando vi sentite giù di morale è sempre un ottimo “toccasana”.

Connettersi con un amico. Ancora meglio di un amico peloso è un amico umano. Pensate a qualcuno che vi fa ridere o che vi ha sostenuto. Telefonategli, mandategli un’e-mail o fissate un appuntamento a pranzo. Le amicizie si costruiscono mattone per mattone. Le persone non nascono con le vostre amicizie: queste si sviluppano con il tempo e le esperienze condivise. Prendete l’iniziativa di creare un’amicizia laddove non esiste e di mettervi in contatto con i vostri amici più grandi quando vi sentite soli.

Dormite bene. Forse pensate che dormire non vi farà sentire più in sintonia con gli altri. E non è così, almeno non direttamente. Ma questo studio dimostra che una perdita di sonno di soli 15 minuti provoca un maggiore senso di solitudine. Se si aumenta la perdita di sonno fino a qualche ora, si iniziano a mettere in gioco possibili gravi problemi di salute a lungo termine, rendendo ancora più forte il potenziale di isolamento e depressione.

Cantare. Cantate ad alta voce e spesso. Anche se non riuscite a cantare in un secchio, cantate ad alta voce. È impossibile sentirsi soli e depressi quando si cantano le proprie canzoni preferite. La sensazione di felicità è ancora più forte se si canta qualche insipida canzone degli anni ’80 che sicuramente farà sorridere.

Visualizzate un “luogo felice”. Può essere una spiaggia calda al tramonto, sorseggiando un margarita; oppure una montagna spazzata dal vento con una vista meravigliosa; o ancora, sedersi davanti a un fuoco caldo con amici e familiari. Non importa cosa immaginate, basta che riusciate ad avere un’immagine precisa nella vostra mente e a provare un po’ di felicità al pensiero di essere lì.

Leggere narrativa. È un’attività che mi piace molto. Quando mi sento solo o depresso, poche cose mi fanno sentire meglio della lettura di un buon libro di narrativa. Ci si immerge nel mondo immaginario di un buon libro e ci si immedesima nei personaggi. Ma come per i social media, è importante non rinunciare agli amici o agli eventi della vita reale per leggere un libro di fantasia.

Preparate il letto. Come ha sottolineato l’ammiraglio McRaven nel suo eccellente libro “Make Your Bed: Little Things That Can Change Your Life… And Maybe the World”, un’attività così semplice fatta ogni giorno dà un tono alla vostra vita che può ridurre la solitudine e forse trasformare la vostra vita.

Provate le affermazioni positive. Quando si ripetono le stesse cose più volte, si può iniziare a convincere la mente che sono vere. Questo è il cuore dell’idea di dire affermazioni positive ogni giorno. Per ulteriori informazioni sulle affermazioni e per alcuni esempi specifici che potrebbero interessarvi, consultate i seguenti link.

4. Il modo migliore per fermare la solitudine: Uscire di casa

Questa è una cosa importante. Se non fate altro che andare al lavoro e poi tornare a casa, è facile sentirsi isolati perché in realtà vi state isolando.

Uscite e andate in giro. Il solo fatto di presentarsi in posti nuovi può creare nuovi legami e ridurre notevolmente la solitudine.

Concedetevi un appuntamento “da soli”. Sapete che avete bisogno di uscire di casa, ma forse non sapete dove andare. Andate nei luoghi in cui vorreste uscire da soli. Essere soli non deve impedirvi di vivere la vita. La cosa migliore è che non si scende a compromessi su dove si vuole andare, cosa si vuole mangiare o quale film si vuole vedere. Avrete sempre la vostra scelta numero 1.

Partecipare a incontri. Questo è un altro ottimo modo per uscire di casa e non sentirsi soli. Meetup.com o i giornali locali sono ottimi posti per scoprire questi eventi.

Andare in chiesa. Secondo uno studio condotto su quasi 20.000 persone, chi pratica regolarmente la religione ha meno probabilità di sentirsi isolato quando è solo.

Partecipare a uno sport e/o frequentare una palestra. Questa è un’ottima idea per due motivi diversi. In primo luogo, è un altro modo meraviglioso per conoscere nuove persone. In secondo luogo, essere fisicamente in forma rende meno inclini alla depressione e al senso di isolamento.

Partecipare agli eventi del doposcuola. Per chi frequenta la scuola o l’università, gli eventi scolastici sono il luogo ideale per incontrare persone e socializzare. Probabilmente avete già in comune la vostra età e la scuola che frequentate con le altre persone presenti, quindi potreste trovare rapidamente molte persone con interessi simili se vi mettete in gioco.

Unitevi a un gruppo toastmasters. Alcune persone hanno difficoltà a parlare con gli altri. Lo capisco. Anch’io mi considero un introverso. Un gruppo come Toastmasters è ottimo perché non solo aiuta a conoscere persone, ma è anche un modo per aumentare la fiducia in se stessi e rendere più facile parlare con gli altri in pubblico.

Accettare gli inviti. Questo è fondamentale. Se qualcuno vi invita a fare qualcosa, accettate. Anche se pensate che l’esperienza non vi piacerà, perché non provarci? Quando qualcuno vi contatta, sta cercando di entrare in contatto con voi. Se rifiutate, potrebbero non chiedervelo più. Chissà, potreste rinunciare a un’amicizia futura che potrebbe impedirvi di sentirvi soli.

5. Altre idee per sconfiggere la solitudine uscendo di casa

Ci sono tante idee semplici per uscire di casa. Eccone alcune tra le migliori:

  • Portare il cane in spiaggia/al parco/al lago.
  • Andare in ristoranti con tavoli “comunitari”.
  • Andare in un museo.
  • Unirsi a un club del libro.
  • Fare un’escursione.
  • Fare un tour del vino.
  • Fare un tour della birra.
  • Partecipare a un corso di danza.
  • Partecipare a un corso d’arte.
  • Frequentare un corso di cucina.
  • Trovare un lavoro part-time “divertente”.
  • Leggere un libro o lavorare in un caffè.
  • Trovare un nuovo hobby. [hobby maschili|hobby femminili].
  • Ricordare il passato e le persone care con vecchie foto.
  • Iniziare un diario.

Se non fate altro che andare al lavoro e poi tornare a casa, è facile che vi sentiate isolati perché vi state isolando.

6. Passi finali su come non sentirsi soli

Se, dopo aver provato molti di questi passi, vi sentite ancora soli e depressi come all’inizio, forse avete bisogno di un aiuto professionale.

Non pensate che ci sia qualcosa di sbagliato in questo. Non è così.

Molte persone hanno bisogno di un po’ di terapia per rendersi conto delle ragioni psicologiche alla base della loro solitudine, depressione e ansia. Questo è perfettamente normale.

Se avete bisogno di un aiuto professionale, prendete le misure necessarie per ottenerlo.

Conclusione: Come non sentirsi soli

Spero che dopo aver letto questo post abbiate un’idea più chiara di come non sentirvi soli.

La solitudine e l’isolamento sono terribili. Poche persone che non l’hanno provato capiscono quanto sia brutto sentirsi in una profonda e buia depressione. Spero che questo post vi abbia dato qualche buona informazione sulla solitudine. Ma soprattutto, spero che vi abbia dato un po’ di ispirazione per intraprendere qualche azione per diventare un po’ più felici e non così soli nella vostra vita.

Non siete soli a sentirvi soli. Se vi sentite sopraffatti e non c’è niente che vi aiuti, chiamate i numeri indicati sopra per ottenere un aiuto professionale.

Inoltre, perché non raggiungere gli altri e condividere questo post sulla vostra piattaforma di social media preferita? Se tutti raggiungessero gli altri con i passi di questo post, forse nessuno si sentirebbe più solo.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it