Odio mio padre: come affrontare la situazione quando ci si sente così

Odio mio padre Conflitti

È possibile provare odio verso il proprio padre. Questi sentimenti si sviluppano in genere durante l’infanzia, a seconda del comportamento e dello stile genitoriale del padre.

L’odio può essere difficile da affrontare e doloroso da vivere. Può anche portare a discussioni e litigi tra voi e vostro padre, nonché a tensioni e conflitti con altri membri della famiglia. Comprendere i propri sentimenti ed elaborarli può aiutare a gestirli in modo sano.

Questo articolo esamina alcuni dei motivi per cui potreste odiare vostro padre, l’impatto di questi sentimenti e alcune strategie che possono aiutarvi ad affrontarli.

Motivi per cui potreste odiare vostro padre

Sabrina Romanoff, PsyD, psicologa clinica e docente presso la Yeshiva University, illustra alcuni dei motivi per cui si potrebbe odiare il proprio padre. Questi motivi sono elencati di seguito.

1. Mancanza di legame emotivo

Potreste sentirvi distaccati da vostro padre se siete cresciuti in una famiglia nucleare in cui vostro padre era impegnato a perseguire la sua carriera e di conseguenza passava meno tempo con voi. In alternativa, se vostro padre vi ha abbandonato, potreste desiderare un legame con lui, il che potrebbe causare risentimento.

Indipendentemente dalle circostanze, i bambini hanno bisogno che i genitori siano presenti in modo significativo nella loro vita. Quando questo bisogno non viene soddisfatto, i bambini possono sviluppare forti sentimenti di rabbia e odio nei confronti dei genitori.

2. Stile genitoriale autoritario

La maggior parte dei bambini esprime un qualche tipo di ribellione durante gli anni della formazione. Sebbene questo sia un processo tipicamente normativo, le reazioni dei genitori tendono a variare da permissivo a controllante.

Quando i genitori usano troppa forza per controllare i bambini ribelli, possono ispirare ulteriore odio e insurrezione nei loro figli.

Invece di aiutare i figli a realizzare l’indipendenza e l’autonomia che stanno perseguendo, alcuni genitori utilizzano un approccio autoritario e di fatto fanno sì che i figli gravitino ulteriormente verso i comportamenti ribelli.

3. Abusi sui bambini

I bambini dipendono dai genitori per la loro sopravvivenza. Quando i genitori li maltrattano fisicamente o psicologicamente, i bambini tendono a lottare per tutta la vita con l’accettazione di sé e il senso di sicurezza.

4. Violenza in famiglia

I bambini sono perspicaci e sono perfettamente consapevoli delle dinamiche relazionali tra i loro principali custodi. Quando il padre è violento nei confronti della madre, i bambini diventano protettivi e possono vedere il padre come una minaccia per il loro benessere.

Quando i bambini assistono alla sofferenza della madre per mano del padre, questo danneggia il loro rapporto con lui e li trascina in un ruolo simile a quello di un genitore, in cui assumono una quantità incongrua di responsabilità per proteggere gli adulti vulnerabili del loro mondo.

5. Impatto sulla salute mentale

Romanoff spiega come il conflitto nel rapporto con il padre possa influire sulla salute mentale e sulle relazioni con gli altri.

6. Difficoltà di fiducia e intimità

“I bambini che provano forti sentimenti negativi nei confronti del padre tendono ad avere problemi di attaccamento agli altri da adulti”. – SABRINA ROMANOFF, PSYD

I conflitti nel rapporto con il padre durante l’infanzia creano sentimenti di sfiducia profondamente radicati. Questo può portare a esitare nell’avvicinarsi agli altri a causa dell’anticipazione del dolore associato all’intimità.

7. Difficoltà nelle relazioni emotive

Quando i genitori si comportano in modo imprevedibile o abusano dei figli, questi ultimi crescono con difficoltà a comprendere le proprie emozioni e i sentimenti degli altri. Questo limita la loro capacità di costruire relazioni stabili e strette.

In definitiva, possono avere difficoltà a relazionarsi con gli altri, evitare l’intimità o essere molto ansiosi nelle relazioni.

Strategie di coping

Sabrina Romanoff suggerisce alcune strategie che possono aiutarvi ad affrontare l’odio che provate nei confronti di vostro padre.

1. Rompere il ciclo

Riconoscete il modo in cui vostro padre ha avuto un impatto su di voi e come questo possa alterare il vostro rapporto con gli uomini o con i partner romantici.

Si parla di attrazione da privazione: questi individui cercano partner insoddisfacenti o deludenti in modi a loro familiari e credono di poter finalmente soddisfare i loro bisogni insoddisfatti dell’infanzia nel presente attraverso un’esperienza emotiva correttiva. In genere, questo tipo di pensiero è fallace, poiché questi partner raramente cambiano.

Scegliete invece un partner che vi ispiri, vale a dire una persona il cui amore non dovete costantemente guadagnarvi, che non volete cambiare e che vi ispiri a essere la versione migliore di voi stessi.

2. Cercate una terapia

È importante riconoscere l’impatto duraturo che le nostre relazioni con i caregiver hanno sul funzionamento attuale. La terapia può essere un ottimo strumento non solo per riconoscere e identificare questa influenza, ma anche per interrompere i modelli disadattivi che derivano da questa relazione primaria.

3. Lavorare per l’accettazione

“È importante accettare il padre che si ha, invece di distorcere il padre che si vorrebbe che fosse”. – SABRINA ROMANOFF, PSYD

La maggior parte del nostro dolore deriva dalla distorsione della realtà delle persone per adattarle ai nostri desideri di chi vogliamo che siano.

Una volta che si riesce a separare la fantasia dalla realtà, ci si libera dalla delusione perpetua e si può vivere una vita più stabile e coerente senza gli alti e bassi di una visione intermittente attraverso la lente della fantasia e della realtà.

Parole finali

Ci sono molte ragioni per cui si può arrivare a odiare il proprio padre. I conflitti infantili con il padre possono causare lo sviluppo di sentimenti di odio che possono accompagnarvi fino all’età adulta. È importante cercare una terapia per le emozioni che si provano, in modo da poter iniziare a guarire e andare avanti con la propria vita, verso l’accettazione e relazioni più sane.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it