Cos’è l’intuizione e perché è importante? 5 esempi

Czym jest intuicja i dlaczego jest ważna? 5 Przykłady Autoconsapevolezza

L’intuizione è quella sensazione che si prova quando si sa istintivamente che qualcosa che si sta facendo è giusto o sbagliato. Oppure è quel momento in cui percepite la gentilezza o la paura nel volto di un’altra persona. Non sapete perché lo sentite, è solo un’intuizione.

Ma che cos’è? Dopotutto, i ricercatori non riescono a vederlo nel cervello.

Sebbene la comprensione dell’intuizione rappresenti una sfida notevole per la scienza, in linea di massima si tratta di “risposte apprese che non sono il risultato di processi deliberati”.

In questo articolo esaminiamo i processi fulminei e per lo più nascosti coinvolti nell’intuizione, il loro effetto sul processo decisionale e il loro ruolo nella creatività.

Che cos’è l’intuizione? 5 esempi di vita reale

L’intuizione non è logica. Non è il risultato di una serie di passaggi ponderati che possono essere condivisi o spiegati. Al contrario, pur basandosi su conoscenze profonde, il processo è naturale, quasi istintivo.

Tuttavia, sebbene l’intuizione sia rapida e di solito benefica, non è sempre del tutto accurata. Il cervello subconscio cerca di riconoscere, elaborare e utilizzare schemi di pensiero basati sull’esperienza precedente e sulle migliori ipotesi.

Paradossalmente, l’intuizione sembra inconoscibile. Dopo tutto, non si può spiegare il pensiero che sta dietro a una decisione improvvisa che appare dal nulla. Succede e basta.

Sebbene l’intuizione si manifesti nella vita di tutti i giorni, a volte è più evidente nelle decisioni degli esperti. Lo specialista si avvale di anni di esperienza, racchiusi in schemi inconsci, per prendere decisioni rapide e di qualità.

1. Odontoiatria

I ricercatori del settore sanitario hanno scoperto che i dentisti esperti si affidano spesso all’intuito per prendere decisioni complesse e vincolate al tempo. Basandosi su molti anni di conoscenze profondamente immagazzinate, le scelte vengono prese rapidamente e sono spesso superiori a quelle che si basano su prove chiare e sul pensiero razionale.

2. Il business

Forse è sorprendente che molti degli uomini d’affari più influenti del mondo ammettano di prendere decisioni basate sull’intuito piuttosto che sul pensiero logico e deliberato.

Su un campione di 36 amministratori delegati, l’85% ha confermato che l’intuito – sotto forma di regole empiriche (ROT) – è al centro del loro processo decisionale.

L’elenco seguente proviene dall’ex presidente di Lenovo, William Amelio:

  • Strategico
  1. Concentrarsi su poche decisioni cruciali.
  2. Una decisione è meglio di nessuna decisione, ma non lasciatela correre troppo se non funziona.
  3. Fidatevi del vostro intuito.
  • Persone
  1. Comunicate regolarmente e frequentemente le decisioni importanti.
  2. Non tollerate gli idioti.
  3. Costruire un team di cui fidarsi.
  4. Fidatevi del vostro intuito.
  • Se stessi
  1. Ottenere feedback tempestivi e regolari e agire di conseguenza.
  2. Guadagnare la fiducia degli altri.
  3. Guadagnate credibilità mostrando le vostre vulnerabilità.
  4. Avete dei punti di forza; usateli.
  5. Fidatevi del vostro intuito.

3. Il gioco della caccia al cervo

L’intuizione è una parte essenziale del lavoro e del gioco.

Il gioco della caccia al cervo implica strategia, fiducia e intuizione. I giocatori scelgono, in segreto, di collaborare o di competere gli uni contro gli altri.

L’uso dell’intuizione è associato alla pressione del tempo e l’euristica appresa (un’altra parola per indicare le ROT) gioca un ruolo essenziale per vincere il gioco.

4. Gli agenti di borsa

L’intuizione umana è importantissima – una funzione evoluta fondamentale per la sopravvivenza dei nostri antenati – ma può essere sbagliata.

In una competizione annuale del Wall Street Journal, i team si sono sfidati sull’andamento dei loro titoli. Ma se da una parte c’era un gruppo di esperti broker altamente qualificati, dall’altra c’era un gruppo di giornalisti che sceglieva le proprie azioni con un lancio di freccette.

Intuitivamente, la competenza dovrebbe vincere.

Eppure, a quanto pare, in questo caso non è stato così. Il concorso è terminato senza spiegazioni, molto probabilmente per evitare l’imbarazzo degli agenti di cambio.

5. L’arte

Nel 1983, Gianfranco Becchina mise in vendita una rara scultura del VI secolo con un prezzo sbalorditivo di 10 milioni di dollari. Il Getty Museum, dopo aver esaminato le radiografie, le testimonianze degli esperti e la documentazione storica, accettò l’acquisto con grande clamore mediatico.

Tuttavia, quando Evelyn Harrison, rinomata esperta di sculture greche, e Thomas Hoving, ex direttore del Metropolitan Museum of Art, sono arrivati per ammirare la statua, hanno capito, intuitivamente, che qualcosa non andava.

Secondo Hoving, sembrava “fresca”, cosa inaspettata visto che la statua, vecchia di 2.000 anni, era stata estratta dal terreno.

E avevano ragione. Pur provenendo da un laboratorio di Roma, la scultura proveniva da un falsario del 1980 e non da un maestro scultore dell’antichità.

Come funziona l’intuizione? Teorie psicologiche

Lo studio del processo decisionale presenta un problema. Se da un lato possiamo osservare il comportamento delle persone, anche grazie ai progressi della diagnostica per immagini del cervello, dall’altro non possiamo ancora vedere i processi di pensiero che avvengono dietro le quinte.

Che cosa ha da dire la psicologia sull’intuizione, quando gran parte di ciò che accade nel cervello è invisibile, come guardare l’esterno di una scatola nera?

Molti scienziati propongono una teoria a doppio processo: i processi decisionali si dividono tra intuitivi (esperienziali o taciti) e analitici (razionali o deliberati).

In Blink: The Power of Thinking Without Thinking, Malcolm Gladwell (2005) descrive i due diversi approcci come “blink”, quando si usa l’intuizione, e “thinking”, quando si fa un’analisi.

“In un battito di ciglia può esserci tanto valore quanto in mesi di analisi razionale”. Malcolm Gladwell

L’intuizione (o battito di ciglia) si riferisce tipicamente all’uso di conoscenze non esplicite e nella cultura popolare potrebbe essere descritta come “intuizione” o “intuizione femminile”.

Quando accade, è difficile da quantificare o definire, ma c’è. Come nel caso del seguente pensiero: “Avevo la sensazione che ci fosse qualcosa che non andava; non sembrava lei”.

Hogarth suggerisce che “l’essenza dell’intuizione o delle risposte intuitive è che vengono raggiunte con poco sforzo apparente, e in genere senza consapevolezza. Comportano poca o nessuna deliberazione cosciente”.

Seymour Epstein offre un’ulteriore intuizione complementare: “L’intuizione implica un senso di sapere senza sapere come si sa”, basato sull’elaborazione inconscia delle informazioni.

Le intuizioni sembrano anche essere olistiche: combinano intuizioni provenienti da più fonti e spesso richiedono un salto di pensiero basato su informazioni limitate.

Processi coinvolti nell’intuizione

Le ricerche condotte da Herbert Simon negli anni Cinquanta sul concetto di razionalità limitata guidano gran parte del lavoro sull’intuizione. Simon suggerì che le persone spesso prendono decisioni – e riducono il loro carico cognitivo – basandosi su ciò che è abbastanza buono.

Piuttosto che arrivare a risposte complete e completamente corrette, di fronte a compiti specifici, spesso ricorriamo a euristiche – o regole empiriche – che ci aiutano a formulare giudizi intuitivi.

L’uso di euristiche è considerato un luogo comune e l’approccio predefinito per prendere decisioni.

Anche il processo di riconoscimento – una funzione evoluta fondamentale – è cruciale per l’intuizione. Appare separato da altre parti della memoria umana nel cervello, in grado di persistere nelle condizioni più difficili con una precisione sufficiente per scopi pratici.

L’intuizione sembra basarsi sull’automazione del processo decisionale.

I compiti appena appresi spesso si basano su conoscenze dichiarative; dobbiamo considerare consapevolmente ogni mossa o azione. Con la pratica e l’apprendimento, queste conoscenze diventano automatiche o procedurali. Tali compiti vengono eseguiti senza l’intervento della coscienza, con un notevole risparmio di potenza di elaborazione e la possibilità di concentrarsi su azioni più intense o appena acquisite.

Anche le inferenze in avanti e all’indietro svolgono un ruolo essenziale nell’intuizione. Le conoscenze acquisite con l’esperienza ci aiutano a prevedere, in modo intuitivo, dove atterrerà la palla o perché il bambino è inciampato e a intervenire.

In effetti, la vasta conoscenza che accumuliamo nel tempo ci permette di fare previsioni nel mondo reale, consentendoci di agire in modo rapido ed efficace in situazioni che la maggior parte di noi ha già incontrato molte volte.

Anche l’apprendimento e il recupero sono molto importanti per il successo dei processi intuitivi.

Avendo già sperimentato oggetti e scene in precedenza, siamo molto abili nell’abbinare gli schemi per supportare la nostra capacità di decidere e agire in modo rapido ed efficace.

Ad esempio, quando entriamo in una caffetteria, riconosciamo una tazza come qualcosa che abbiamo già visto molte volte. Capiamo anche, intuitivamente, che è probabile che sia calda e che si rovesci facilmente su una superficie irregolare.

L’intuizione sembra nascere – come un epifenomeno – dall’interazione di molti processi cognitivi distintivi, piuttosto che da uno solo. Questi si combinano per fornire una risposta rapida ed efficace quando è più necessaria.

L’intuizione è importante?

In una parola, sì. L’intuizione offre una riduzione del carico cognitivo complessivo e la capacità di rispondere istantaneamente, dando fiducia alla nostra conoscenza e al nostro processo decisionale, anche se può sfuggire all’analisi.

Questo pensiero automatico può trarre vantaggio dall’esperienza o essere ostacolato da essa. Quando riceviamo un conto alla fine di un pasto, di solito abbiamo una percezione intuitiva del suo costo, basata sull’esperienza. Tuttavia, questa sensazione può venir meno quando ci troviamo in un nuovo paese o non ci siamo resi conto di aver scelto per errore il vino più costoso della cantina.

L’intuizione ci aiuta a sopravvivere fornendo risposte rapide che, di solito, offrono un’azione appropriata e immediata per affrontare una situazione. Tali risposte si basano in larga misura sul “capitale culturale”, ovvero sulle conoscenze specifiche dell’ambiente in cui ci troviamo.

Sebbene questo ci sia di solito d’aiuto, può portare a preconcetti e pregiudizi nel nostro processo decisionale – basati su religione, cultura, ambienti sociali, morali e persino politici – e può essere necessario contrastarli con il pensiero razionale.

Infatti, “l’intuizione può essere educata in modo esplicito”, afferma Hogarth. Modificando il contenuto e l’ambiente che circonda il nostro apprendimento, possiamo orientarci verso giudizi intuitivi più accurati e meno distorti.

Istinto, logica o intuizione?

Se l’intuizione è definita come l’arrivo alla conoscenza senza affidarsi alla ragione o all’inferenza, essa si differenzia dall’istinto.

Quest’ultimo è un sistema di risposta diretta e meno flessibile agli stimoli.

Secondo Merriam-Webster, l’istinto è “una tendenza in gran parte ereditabile e inalterabile di un organismo a dare una risposta complessa e specifica agli stimoli ambientali senza coinvolgere la ragione”.

È probabile, quindi, che si tratti di un’elaborazione meno complicata o profonda. L’istinto è innato, ereditato e radicato nei circuiti cerebrali come risultato di milioni di anni di evoluzione.

Se un leone ruggisce e non mi accorgo che è dietro di me, salto, mi giro e, molto probabilmente, corro verso le colline. Questa azione è più primordiale che intuitiva o analitica, anche se probabilmente ci sono delle sfumature di grigio.

La logica è analitica: la considerazione razionale di un problema. Per completare le nostre tasse, ci affidiamo al lavoro su ogni domanda, completando ogni casella e facendo riferimento a fogli di calcolo, note adesive o scatole di ricevute. È improbabile che i consulenti fiscali apprezzino la compilazione di un documento intuitivo e istintivo che indica quanto dobbiamo.

Il suo ruolo nel processo decisionale

Sebbene possiamo essere per lo più inconsapevoli del nostro processo decisionale quotidiano, è probabile che si tratti di un mix di pensiero intuitivo e deliberato.

E il ruolo dell’intuizione non sembra essere diverso nei nostri processi di pensiero quotidiani rispetto alle decisioni più cruciali.

Il processo decisionale intuitivo si basa sulle nostre esperienze passate e, pertanto, ha ripetutamente successo in situazioni simili, dove i risultati e gli apprendimenti precedenti sono stati utili e accurati.

Quando la situazione attuale o futura è significativamente diversa, dobbiamo usare l’intuito con cautela. Senza un’analisi razionale, qualsiasi decisione presa potrebbe essere inefficace nel migliore dei casi o pericolosa nel peggiore.

Quando funziona bene e i vincoli di tempo sono stretti, l’intuizione può fornire un pensiero rapido e mirato (ad esempio, la barca sta affondando o la bomba sta per scoppiare). Quando c’è tempo per riflettere – come affrontare il riscaldamento globale o il razzismo? – dobbiamo affidarci a un’analisi razionale e basata su prove.

Una ricerca condotta presso l’Università del Galles del Sud ha confermato che l’intuizione favorisce in modo significativo il processo decisionale, aggiungendo che le informazioni non consce possono aumentare l’accuratezza, la velocità e la sicurezza delle decisioni (Lufityanto, Donkin, & Pearson, 2016).

Il legame tra intuizione e creatività

La creatività, come l’intuizione, può essere difficile da definire. Eppure entrambe sembrano implicare la trasformazione delle idee in qualcosa di tangibile, nuovo e valido per comunicare idee e risolvere problemi.

L’idea che l’intuizione sia percettiva, che colleghi inconsciamente informazioni diverse, suggerisce anche una notevole interazione con la creatività. Sia l’intuizione che la creatività sembrano, a un certo livello, combinare dati provenienti da più fonti in qualcosa di coerente (Raidl & Lubart, 2001).

Recenti ricerche hanno individuato collegamenti tra l’intuizione e le prime fasi del processo creativo, tra cui la generazione di idee e le fasi di valutazione (Pétervári, Osman, & Bhattacharya, 2016).

7 libri sull’argomento

È possibile imparare a diventare più intuitivi (Epstein, 2010). Utilizzate i seguenti libri per approfondire l’argomento:

  1. Blink: Il potere di pensare senza pensare – Malcolm Gladwell
  2. Educare all’intuizione – Robin Hogarth
  3. Il mito dell’esperienza: Perché impariamo le lezioni sbagliate e come correggerle – Emre Soyer e Robin Hogarth
  4. Flow: la psicologia dell’esperienza ottimale – Mihaly Csikszentmihalyi
  5. Risk Savvy: come prendere buone decisioni – Gerd Gigerenzer
  6. Sensazioni di pancia: L’intelligenza dell’inconscio – Gerd Gigerenzer
  7. Pensiero, veloce e lento – Daniel Kahneman

Un messaggio da portare a casa

L’intuizione è uno strumento incredibilmente potente per prendere decisioni. Ci permette di rispondere al momento, liberando preziose risorse mentali per affrontare nuove esperienze e ottimizzare l’apprendimento.

Pur non essendo infallibile, l’intuizione è preziosa.

L’intuizione ci fornisce una risposta “di pancia” – una voce interiore – al di là della logica o delle risposte apprese, rivelando sia chi siamo sia la conoscenza che abbiamo acquisito.

Se la ascoltiamo, possiamo beneficiare della creatività che ci offre e della sensazione di sicurezza che ci trasmette. Lasciate che l’intuizione vi aiuti a crescere e a prendere decisioni critiche basate su risorse non sempre facilmente raggiungibili.

Riconoscete le circostanze in cui siete più intuitivi. Trovate le opportunità per ricrearle e sfruttate il potenziale di creatività e di decisione rapida e perspicace.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it

Adblock
detector