Che cos’è lo stress delle minoranze LGBTQ+?

Che cos'è lo stress delle minoranze LGBTQ+? Gestione dello stress

Qui la terapeuta Silva Neves esplora nove modi in cui le popolazioni LGBTQ+ possono sperimentare lo stress emotivo e psicologico. Se quanto riportato di seguito vi colpisce e volete beneficiare di un sostegno, trovate il vostro terapeuta qui

In apparenza sembra che le persone appartenenti alla comunità LGBTQ+ abbiano ottenuto la parità di diritti nel Regno Unito e che non ci siano più considerazioni specifiche da tenere in considerazione quando si lavora con queste popolazioni. Non è così. Sebbene la legge sia cambiata e ora protegga le persone LGBTQ+, l’omofobia, la bifobia e la transfobia sono ancora diffuse.

Problemi affrontati quotidianamente dai membri del movimento LGBTQ+

Le persone LGBTQ+ devono affrontare ogni giorno della loro vita in un mondo eteronormativo che spesso le esclude. Alcuni di questi fattori di stress possono non essere percepiti dalla popolazione eterosessuale. Questi fattori di stress quotidiani sono ciò che chiamiamo stress da minoranza. Alcuni dei problemi comuni che le persone LGBTQ+ devono affrontare quotidianamente e a cui le loro controparti eterosessuali hanno il privilegio di non pensare mai sono:

1. Tenere la mano del proprio partner dello stesso sesso per strada

Ci sono alcune strade in cui è sicuro farlo, come ad esempio Soho a Londra. Ma ci sono molte strade in Gran Bretagna in cui non sarebbe sicuro farlo. Le persone che hanno un partner dello stesso sesso devono continuamente analizzare l’ambiente circostante per individuare eventuali minacce prima di decidere di comportarsi in un modo o nell’altro con il proprio partner.

2. Scegliere attentamente dove andare in vacanza

Mentre il mondo intero è aperto alle persone eterosessuali, attualmente ci sono 71 giurisdizioni che criminalizzano l’attività consensuale tra persone dello stesso sesso. La maggior parte di questi Paesi si trova in Africa e in Medio Oriente. Ad esempio, per le persone LGBTQ+ non è sicuro fare quella bella vacanza al sole a Dubai che è così popolare tra gli eterosessuali, dato che negli Emirati Arabi Uniti la pena per le persone LGBTQ+ è la pena di morte.

3. Ripetuti coming out

Le persone LGBTQ+ devono fare coming out a causa del nostro mondo eteronormativo. Nessuno dice “Ciao, sono John, sono etero”. O “Sto organizzando il mio matrimonio etero”.

Il coming out è stressante. Le persone LGBTQ+ non fanno coming out solo una volta, ma continuamente, perché vivono in un mondo che assume l’eterosessualità come “normale”. È stressante e logorante. Per esempio, quando si inizia un nuovo lavoro, o si ricevono nuovi vicini, o si incontrano nuove persone a una festa di compleanno, o si ha un nuovo collega, o quando c’è una domanda imbarazzante da parte di un commesso o di chiunque dia per scontata l’eterosessualità (cosa fa tua moglie/marito? Hai una ragazza/un ragazzo?).

4. Affrontare le domande scomode

Una volta che si fa coming out, le persone eterosessuali hanno il diritto di fare domande private, e a volte inopportune, che non verrebbero mai fatte a persone eterosessuali, soprattutto per quanto riguarda la vita sessuale delle persone. (Chi è l’uomo e la donna a letto? Siete davvero monogami? Fate molto sesso?).

5. E ipotesi inappropriate

I gay sono sieropositivi. Le lesbiche sono amanti dei gatti. I bisessuali sono avidi. I transgender sono strani. I gay amano Kylie Minogue. Le lesbiche non si truccano. I bisessuali sono gay nell’armadio. Oppure: “Non mi importa dei transgender, purché non succeda ai miei figli”.

6. Ricevere trattamenti medici diversi

Alcune persone LGBTQ+ non ricevono i giusti servizi medici che meritano. Per esempio, molti medici non riescono a capire che gli uomini gay fanno sesso anale e che l’ano è una parte del corpo importante per il loro piacere sessuale. Le persone transgender sono sempre classificate in modo errato e vengono anche respinte. Per esempio, devono ricordare ai loro stessi medici che una persona di aspetto maschile può avere le mestruazioni.

7. Maggiore probabilità di essere vittima di crimini o bullismo

Nel Regno Unito si verificano ancora molti crimini omofobici. Molti insulti o “scherzi” omofobici sono ancora incontestati. Gli stereotipi (il gay effeminato o la lesbica “maschia”) sono ancora diffusi. Le scuole chiudono ancora un occhio sul bullismo omofobico. Le persone LGBTQ+ non si sentono al sicuro e vivono costantemente nella vigilanza.

8. Rifiuto da parte dei gruppi religiosi

Sebbene nel Regno Unito gran parte dell’omofobia quotidiana avvenga in modo nascosto, le persone LGBTQ+ vengono ancora attaccate apertamente dalla maggior parte dei gruppi religiosi, che inviano messaggi di rifiuto, abuso e odio. Ad alcune persone LGBTQ+ sono stati rifiutati servizi sulla base di “conflitti con i valori religiosi”, cosa illegale nel Regno Unito, ma che continua a verificarsi.

Alle persone LGBTQ+ viene ancora offerta la “terapia di conversione” da vari gruppi religiosi. La “terapia di conversione” è associata alla fede cristiana, ma è praticata anche da altre religioni. Sebbene la “terapia di conversione” sia stata riconosciuta come una pratica non etica e dannosa, non è ancora illegale nel Regno Unito. Sembra che il governo stia per cambiare la legge in materia (maggio 2021).

9. Trauma vicario

Le persone LGBTQ+ soffrono anche di un trauma vicario. Anche se nel Regno Unito non hanno una minaccia diretta di morte davanti alla porta di casa, sentono ogni giorno parlare di persone LGBTQ+ che vengono cacciate o uccise in altri Paesi. Queste storie sono personali per la popolazione LGBTQ+ e influenzano le comunità mondiali.

Quando si offre una terapia a una persona LGBTQ+ è fondamentale ricordare che si tratta di una minoranza stressata. Spesso la salute mentale delle persone LGBTQ+ è direttamente influenzata dallo stress di minoranza, ma per altre persone lo stress di minoranza si cela in sottofondo, in modo più silenzioso, tirando alcune corde emotive. Il modo migliore per aiutare queste popolazioni è ricordare che esistono considerazioni specifiche per le persone LGBTQ+ che potrebbero non valere per le persone eterosessuali.

Il Pride è un momento importante dell’anno in cui le persone LGBTQ+ possono essere visibili. È un momento in cui le comunità LGBTQ+ possono celebrare i progressi sociali e legali, ma anche ricordare a tutti che c’è ancora molto lavoro da fare nel Regno Unito e a bordo. L’orgoglio è ancora necessario finché tutte le persone LGBTQ+ non si sentiranno veramente al sicuro in questo mondo.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it

Adblock
detector