15 esempi di convinzioni limitanti che vi frenano nella vita

15 esempi di convinzioni limitanti che vi frenano nella vita Autoconsapevolezza

Volevo davvero partecipare alla gara di torte del nostro comune perché tutti sbavano per la mia torta di ciliegie. Ma all’ultimo momento ho deciso di non partecipare. Non vincerò in ogni caso, quindi che senso ha?

Pensieri simili continuavano ad attraversare la mia mente, impedendomi di correre il rischio. È successo anche a voi? Avete scartato un’opportunità perché pensavate di non poterla o non doverla sfruttare?

Sono pensieri come questi che vi frenano nella vita… ed è ora di porvi fine! Oggi, quindi, condividerò con voi tutto ciò che dovete sapere sulle convinzioni limitanti: cosa sono ed esempi di convinzioni limitanti per aiutarvi a superarle.

Cosa sono le convinzioni limitanti?

Una convinzione limitante è un pensiero, un’opinione, uno stato d’animo o una convinzione che ritenete assolutamente vera, ma che vi frena in qualche modo. In sostanza, una convinzione limitante è una storia che raccontate a voi stessi per mantenervi nella vostra zona di comfort e che vi impedisce di diventare chi siete destinati a essere.

Le convinzioni limitanti che avete su voi stessi, sul mondo o sulla vita sono spesso inconsce. Possono anche essere meccanismi di difesa, strategie psicologiche di coping che la mente usa inconsciamente per proteggersi dallo stress e per affrontare sentimenti difficili.

Queste convinzioni hanno un impatto negativo sulla vostra vita, perché le convinzioni limitanti vi impediscono di:

  • raggiungere il vostro pieno potenziale  
  • Crescere personalmente e/o professionalmente  
  • correre rischi 
  • cogliere nuove opportunità 
  • Raggiungere i vostri obiettivi 
  • Andare avanti 
  • Fare buone scelte 

Da dove vengono le convinzioni limitanti?

Le cause delle convinzioni limitanti sono varie:

  • I vostri pregiudizi intrinseci 
  • L’incapacità di avere una mente aperta 
  • Le convinzioni della vostra famiglia
  • La vostra educazione – ciò che imparate a scuola e all’università, e ciò che imparate da
    famiglia, amici, colleghi, mentori, ecc. 
  • Le vostre esperienze, soprattutto quelle che si sono concluse negativamente

La maggior parte delle convinzioni limitanti ha origine nell’infanzia e diventa una parte essenziale della vostra identità.

Pensate che le vostre convinzioni limitanti vi tengano al sicuro, che se non vi mettete in gioco e non provate, non dovete preoccuparvi di subire umiliazioni o rifiuti. La realtà è che, credendo a queste convinzioni limitanti, non provate e non crescete mai.

15 esempi di convinzioni limitanti che vi ostacolano

Ora che sapete cosa sono le convinzioni limitanti e da dove provengono, come si presentano in azione? Ecco 15 esempi di convinzioni limitanti:

1. Non posso

Vi dite regolarmente che non potete fare qualcosa?

Questa è una delle convinzioni limitanti che vi blocca perché non vi rendete conto di avere una scelta.

Se c’è qualcosa che non siete ancora in grado di fare, potete scegliere di imparare. Se è qualcosa che non volete fare per qualcuno (magari perché è un momento inopportuno), è qualcosa che non siete in grado di fare in quel particolare momento. Potete fare qualsiasi cosa, se ci credete!

2. Non ho tempo 

Certo, potreste non avere tempo. Tutti noi conduciamo una vita frenetica in cui passiamo da una cosa all’altra.

Se credete di non avere tempo per qualcosa o qualcuno, non avrete mai (o non troverete) il tempo per inseguire ciò che volete. E credere di non avere tempo ci fa rimanere bloccati in un posto.

Il tempo è reale, ma il modo in cui lo percepite è un costrutto sociale. Quando si tiene traccia con precisione di come si impiega il tempo, ci si rende conto di quanto tempo viene sprecato in attività che non aggiungono valore o significato alla propria vita.

Eliminando ciò che non rende felice la vostra anima, scoprirete quanto tempo avete a disposizione per ottenere tutto ciò che vi interessa, in modo da poter ottenere ciò che desiderate, come quella promozione al lavoro.

3. Non posso perché… 

Quando aggiungete un motivo al “non posso”, date ancora più potere alla vostra convinzione limitante. Questo è particolarmente vero quando il motivo inizia con “io sono”.

Parole come “io sono” sono direttamente collegate a chi siete. Per esempio, mi dicevo: “Non posso lavorare negli eventi perché non sono estroversa”.

Ma ho promesso di aiutare un’amica che organizzava eventi, e boom! Sono diventata assistente manager di eventi e ho capito che non avevo bisogno di essere estroversa per svolgere il lavoro con successo. Dopo tutto, la maggior parte di noi è ambiversa: è più introversa in alcune situazioni e più estroversa in altre.

Se non fosse stato per la promessa fatta a un amico, non avrei mai saputo quanto fosse falsa la mia convinzione limitante e quanto mi stesse frenando.

4. Devo cambiare… prima di poter… 

Non avrete successo se credete di dover cambiare o aggiustare qualcosa (come condizione per progredire) o di non essere pronti per qualcosa.

Invece, cercate di ottenere ciò che volete e, nel frattempo, lavorate su ciò che volete cambiare. Non dovreste mettere in attesa la vostra vita, la vostra relazione o la vostra carriera finché non avrete perso peso, non sarete guariti o non avrete imparato 200 abilità.

Quando vi rendete conto che questa convinzione limitante vi impedisce di raggiungere i vostri obiettivi e di inseguire i vostri sogni, andate avanti e agite.

5. Non sono abbastanza bravo 

A un certo punto della vostra vita, siete stati criticati o paragonati a qualcuno che era più bravo di voi in qualcosa, quindi credete di non essere abbastanza bravi.

Questa convinzione limitante può essere limitata a una o due cose della vostra vita in cui credete di non essere abbastanza abili o talentuosi. Oppure può essere onnicomprensiva, in cui, in generale e in quasi tutti gli aspetti della vostra vita, non vi sentite abbastanza bravi.

La convinzione di non essere abbastanza bravi si manifesta con perfezionismo, ansia e procrastinazione. Ma diventando più consapevoli di voi stessi, imparerete che siete abbastanza bravi finché non ci credete.

6. Posso farcela da solo 

La seconda parte di questa convinzione è di solito “non ho bisogno di aiuto”.

Vedete la richiesta di aiuto come una debolezza? O che non siete abbastanza bravi o degni se non riuscite a fare qualcosa da soli? Oppure vi sentite troppo colpevoli o vi vergognate di chiedere aiuto?

Onestamente, tutti abbiamo bisogno di aiuto. Sebbene siate valorosi nel voler lavorare sodo e nel fare del vostro meglio per raggiungere i vostri obiettivi, chiedere aiuto quando ne avete bisogno è una buona cosa.

Guardate dall’alto in basso gli altri quando chiedono aiuto? No, giusto? Quindi, dovreste imparare a sentirvi a vostro agio nel chiedere e accettare aiuto.

7. Tutti conoscono il proprio scopo nella vita

La maggior parte delle persone non ha le idee chiare sulla propria vita, né sa quale sia il proprio scopo nella vita. Ma capisco perché si possa pensare che le persone abbiano capito tutto (e non è così).

Quando si scorrono i feed dei social media, si vedono persone che sorridono, sono spensierate e vivono la loro vita migliore. È così facile paragonare la propria vita non perfetta alla loro vita apparentemente perfetta.

Ma quei post sono stati creati per proiettare la perfezione. E questo è tutto ciò che è. Una proiezione. Non la verità. Quindi, concentratevi su di voi. Siate autentici. E guardate dentro di voi, lasciando andare i paragoni e pensando che tutti abbiano capito tutto.

8. Non so…

Potrebbe essere “non so di cosa ho bisogno” o “non so cosa voglio”.

Sembriamo sempre molto più sicuri quando parliamo di ciò che NON vogliamo nella nostra vita, ma quando si tratta di esprimere ciò che vogliamo, incespichiamo sulle parole.

Quando ci si lamenta di ciò che non funziona nella propria vita, si ha una scusa per non agire o non assumersi responsabilità (e fare la vittima).

E probabilmente sapete già cosa volete, nel profondo, dentro di voi. È ora di rischiare, di andare avanti e di iniziare a credere che sia possibile.

9. Sono come tutti gli altri 

Non siete una scatola di biscotti, in cui siete uguali a tutti gli altri. Ma con questa convinzione limitante, credete di non poter offrire nulla di diverso rispetto ad altri membri della vostra famiglia o a professionisti con il vostro stesso titolo o mansione. Ma la verità è che ogni persona è unica, e questo include anche voi.

Voi siete unici e avete qualcosa di unico da offrire alle persone della vostra vita proprio perché siete voi. Le conoscenze e le esperienze che avete nella vostra vita sono esclusivamente vostre e, grazie a queste esperienze e conoscenze, vedete il mondo in modo diverso.

10. Sarò giudicato 

È orribile quando si viene giudicati e si scopre di essere desiderati. E probabilmente credete che ogni volta che fate qualcosa, gli altri vi giudicheranno. Più vi concentrate e pensate che gli altri vi giudichino, più questa convinzione diventa vera.

Ho imparato a mie spese che non posso controllare come le persone mi vedono o si sentono nei miei confronti. Posso cercare di far cambiare loro idea, ma se non vogliono vedermi sotto una luce positiva, non posso fare nulla per cambiare le cose. E sapete una cosa? Va bene così.

È più importante quello che penso di me e come mi vedo. In fin dei conti, devo essere la migliore amica di me stessa ed è molto più importante imparare a non giudicarmi piuttosto che avere paura che gli altri mi giudichino.

11. Ho fallito 

Quando avete provato a fare qualcosa e avete “fallito”, vi rialzerete e ci riproverete? Probabilmente no, giusto? Vi sentite depotenziati e come se foste un fallimento perché non ci siete riusciti. Solo perché il risultato finale è stato diverso da quello che vi aspettavate e volevate, non significa che avete fallito.

Riformulate il vostro pensiero. Invece di pensare che avete fallito e che non ci riproverete, pensate a ciò che questa opportunità vi ha insegnato. E da ciò che avete imparato, mettete in pratica la lezione e riprovate.

12. Sono stupido 

Se vi date dello stupido o dell’idiota quando avete commesso un errore, non coglierete mai l’occasione di fare qualcosa in cui potreste commettere altri errori. Questo vi frena nella vita e rimarrete sempre e solo nella vostra zona di comfort dove non siete “stupidi”.

Ma sbagliare fa parte della vita e del modo in cui impariamo. Ogni errore commesso vi avvicina al risultato e al successo che desiderate.

Quindi non dite “sono stupido”, nemmeno per scherzo. Ricordate a voi stessi che avete qualcosa da imparare e che siete un passo più vicini al vostro obiettivo perché sapete cosa NON fare.

13. Non ho soldi 

Quando si crede di non avere i soldi per fare qualcosa, si vede il denaro come un ostacolo. Invece è un’opportunità. È un’opportunità per vedere dove si può tagliare e risparmiare, per essere creativi e per provare qualcosa di nuovo.

Non avete nulla da perdere, quindi non lasciatevi frenare da questa convinzione limitante. Cercate di farlo e di farlo funzionare.

14. Non è possibile per me

Con questa convinzione limitante, credete che le cose siano possibili per gli altri ma non per voi. Perché non per voi? Gli altri sono più intelligenti di voi? Più fortunate di voi? Cosa vi manca davvero?

Voi avete ciò che vi serve, quindi superate questa convinzione limitante pensando: “È possibile per me, così come è possibile per loro”. Quando non sarete frenati dalle convinzioni limitanti, vedrete le opportunità invece degli ostacoli e le cose diventeranno possibili per voi.

15. È troppo tardi 

Troppo tardi per cosa? Non è troppo tardi per niente.

  • Shigemi Hirata è il più anziano laureato al mondo all’età di 96 anni e 200 giorni.
  • Yuichiro Miura, 80 anni, è la persona più anziana ad aver raggiunto la vetta del Monte Everest.
  • Oscar Swahn, a 72 anni e 281 giorni, è la persona più anziana ad aver partecipato alle Olimpiadi. 

Fa riflettere, vero? È davvero troppo tardi per inseguire i propri sogni, imparare abitudini salutari o raggiungere un traguardo? La risposta? Non lo è.

È necessario avere passione e grinta e credere in se stessi, per poter realizzare qualsiasi cosa si voglia realizzare con il cuore e con la mente.

Come superare le convinzioni limitanti

Superare le convinzioni limitanti che avete non è facile, soprattutto se non le conoscete nemmeno. Ma gli esempi di convinzioni limitanti che ho condiviso vi hanno reso consapevoli di queste convinzioni che vi trattengono?

Innanzitutto, dovete identificare la convinzione limitante. Riconoscerla e riconoscerla.

Poi, dovete trovare la menzogna, poiché una convinzione limitante non è del tutto vera. Per esempio, forse vostra madre è morta in un incidente d’auto, quindi credete di non poter guidare.

Invece potete farlo, perché avete preso lezioni di guida e avete anche la patente. La verità è che sapete guidare, ma non lo fate perché vi dite che “non potete”.

Il passo successivo è parlarne. Quando la convinzione limitante è una parte radicata della vostra identità, potreste aver bisogno di un aiuto professionale. Ma se la vostra convinzione limitante è solo una scusa per non fare qualcosa, allora dovreste farlo e basta.

Riformulate ciò che credete, mettete alla prova ciò che presumibilmente non potete fare e vedete cosa succede. Continuate a esercitarvi per rompere le vostre vecchie e cattive abitudini, imparate una mentalità di crescita e credete in voi stessi, questa volta senza limiti!

Altre strategie che potete utilizzare per aiutarvi a superare le vostre convinzioni limitanti sono:

  • Praticare la meditazione
  • Affermazioni positive 
  • Schede di visione
  • Parlare di sé in modo positivo 
  • Scrivere un diario per la crescita personale 
  • Provare il minimalismo 
  • Provare cose nuove, diventare curiosi ed esplorare

Pensieri finali sugli esempi di convinzioni limitanti

Questi esempi di convinzioni limitanti dovrebbero aprirvi gli occhi… lo sono stati per me. Sono sicuro che, se siete onesti con voi stessi, potrete riconoscerne alcune, e non c’è da vergognarsi.

L’importante è identificare ciò che vi blocca nella vita. In questo modo, saprete su cosa dovete lavorare per crescere, imparare e raggiungere i vostri obiettivi. Oltre a sconfiggere le vostre convinzioni limitanti, avete bisogno anche di perseveranza per raggiungere il successo.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it