Musica rilassante per stress, ansia e depressione

Musica rilassante per stress, ansia e depressione Gestione dello stress

È probabile che ultimamente vi siate sentiti stressati, tra pandemia, burnout lavorativo, ansia sociale e altro ancora. Ma non siete soli: Secondo i dati del 2021 del Pew Research Center, circa un quinto degli adulti americani dichiara alti livelli di stress psicologico a causa della pandemia e del suo impatto sulla salute fisica, emotiva e finanziaria. Come può la musica aiutare a combattere lo stress e la depressione?

Ma cos’è esattamente lo stress? A livello biologico, il corpo risponde alle situazioni di stress rilasciando ormoni come il cortisolo, spiega Tim Ringgold, M.T.-B.C., musicoterapeuta presso New Method Wellness e autore di Sonic Recovery: Harness the Power of Music to Stay Sober. In situazioni fisicamente minacciose, come quando si è inseguiti da un orso arrabbiato, il cortisolo è utile: Innesca una risposta di lotta o fuga nel sistema nervoso per aiutarvi a fuggire dall’orso tutto intero. Ma nel caso di minacce socio-emotive come il burnout lavorativo, una rottura o una pandemia in corso, il corpo rilascia questi ormoni dello stress in modo cronico. Ringgold spiega che l’eccesso di cortisolo non solo fa sentire ansiosi mentalmente, ma può anche portare a problemi fisici come un’eccessiva infiammazione e la compromissione delle funzioni del sistema immunitario.

È interessante notare che la musica può contribuire a mitigare questi effetti e a tenere sotto controllo stress e ansia. Alcuni studi hanno rilevato che l’ascolto della musica può aiutare a calmare il sistema nervoso e ad abbassare i livelli di cortisolo, entrambi fattori che possono contribuire a ridurre lo stress. Lo stesso vale per la creazione di musica; le ricerche dimostrano che la creazione di musica può aiutare a liberare le emozioni, a diminuire l’ansia e a migliorare la salute mentale generale.

Ora basta accendere il video e godersi la musica rilassante e lo splendido paesaggio!

La musica provoca piacere

L’eccesso di cortisolo alimenta i livelli di stress e la musica può aiutare a tenerli sotto controllo. Le ricerche dimostrano che la produzione di cortisolo diminuisce quando si ascolta la musica, il che, secondo Ringgold, può contribuire ad attenuare la risposta “combatti o fuggi”.

La musica aiuta anche a stimolare le sostanze chimiche del benessere nel cervello. “Quando ascoltiamo musica o facciamo musica, il centro di ricompensa del nostro cervello rilascia dopamina, un neurotrasmettitore associato alla ricompensa e alla motivazione”, spiega Ringgold. Questa risposta di piacere è il modo in cui il nostro cervello ci dice: “Fallo ancora!””.

La musica fa calmare il sistema nervoso

La musica non solo può calmare il sistema nervoso attraverso gli ormoni, ma può anche contribuire ad alleviare lo stress influenzando i processi biologici. Per esempio, il ritmo della musica che ascoltate può automaticamente rallentare o accelerare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la respirazione, dice Ringgold. Ecco perché Ringgold consiglia di ascoltare musica lenta (da 60 a 80 BPM) se ci si sente ansiosi: il ritmo rilassato aiuterà a moderare il funzionamento del corpo e a far scendere il livello di nervosismo. “Il cervello rilascia sostanze chimiche del piacere e il corpo rallenta i suoi ritmi”, osserva l’esperto. “È come un due per uno”.

La musica è uno sfogo emotivo

Secondo Ringgold, creare musica può essere un modo efficace per esprimere energia o emozioni compresse. Questo è particolarmente importante quando si vive un prolungato stato di lotta o fuga, che può causare sintomi spiacevoli come battito cardiaco accelerato, muscoli tesi e sudorazione. Quando lo stress non può essere espresso solo attraverso il linguaggio, spiega Ringgold, l’atto fisico e mentale di fare musica può consentire di far uscire quei sentimenti dal corpo e dalla mente.

Musica rilassante per stress, ansia e depressione

La musica vi mette a terra nel presente

Lo stress è spesso il risultato di ruminare su qualcosa che è accaduto nel passato o di preoccuparsi per il futuro, due cose che possono far sentire come se non si avesse il controllo, dice Ringgold. Come si fa a recuperare la sensazione di controllo? Suggerisce di muoversi a ritmo di musica, sia che si tratti di ballare letteralmente, sia che si tratti di battere, schioccare o applaudire il ritmo.

“La mente preferisce concentrarsi su situazioni in cui ha una parvenza di controllo”, spiega. “L’unico luogo in cui questo avviene è il presente, perché è lì che si trova il nostro corpo e noi abbiamo almeno un po’ di controllo sul nostro corpo”.

La musica distrae dai fattori di stress

Sebbene radicarsi nel momento presente possa essere un modo utile per superare l’ansia per il passato o per il futuro, potrebbe non essere così piacevole se la fonte dello stress si verifica nel qui e ora. Ma mettere su una playlist può aiutare, dice Ringgold. “Poiché la cognizione musicale è così complessa per il cervello umano, offre una facile distrazione o un diversivo da qualsiasi stimolo di stress interno o esterno”, spiega Ringgold. “Poiché la musica innesca una risposta di piacere, il nostro cervello è ben felice di concentrarsi su un segnale musicale escludendo qualsiasi altra cosa”.

Perché? Secondo Ringgold, la musica offre una tregua chiusa dal momento presente, ovvero la canzone o l’album che si sta ascoltando ha un inizio e una fine ben definiti. Questo è in contrasto con altre forme di distrazione più stressanti, come i social media, dove il contenuto non ha limiti.

La musica favorisce la creatività

Quando si è stressati, il sistema nervoso passa dalla modalità creativa a quella reattiva per combattere o fuggire da una minaccia percepita. La creazione di musica costringe il sistema nervoso a ripristinare la sua modalità predefinita di “riposo e digestione”, che secondo Ringgold consente di rilassarsi, di essere chiari e di essere creativi.

La musica facilita la connessione

L’isolamento è stato una delle principali fonti di stress per molti durante la pandemia. Secondo Ringgold, creare e ascoltare musica può aiutare a combattere l’ansia indotta dalla solitudine. Questo può essere semplice, come ascoltare musica insieme a degli sconosciuti a un concerto, o come stringere un rapporto con un nuovo collaboratore per creare musica insieme.

“Quando suoniamo da soli, ci colleghiamo alla musica”, dice Ringgold. “Quando suoniamo con altri, ci colleghiamo a loro per procura. Una voce, una melodia, un ritmo, tutti collegati nel momento presente”.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it

Adblock
detector