Quando (e come) stabilire l’assenza di contatto con i vostri genitori tossici

Quando (e come) stabilire l'assenza di contatto con i vostri genitori tossici Conflitti

I vostri genitori tossici vi hanno spinto al limite e ne avete abbastanza. Siete pronti a interrompere la relazione per porre fine alla follia, all’abuso e alla violazione dei limiti. Dovete solo capire quando e come interrompere i contatti con i genitori.

Fate un respiro profondo. Questo articolo spiega quando e come interrompere i contatti, perché avviene, i pro e i contro, cosa aspettarsi e come creare una nuova vita con successo.

Che cos’è il “non contatto”?

Non avere contatti con i genitori tossici significa allontanarsi dalla relazione con loro. Un figlio adulto può scegliere di interrompere la relazione per porre fine alla sofferenza fisica, psicologica o emotiva. “Nessun contatto” significa non comunicare o interagire in alcun modo con il genitore o i genitori tossici.

Alcuni figli adulti scelgono di abbandonare temporaneamente la relazione con i genitori fino a quando non vengono rispettati uno o più ultimatum e si sentono sicuri nel riprendere le comunicazioni. Altri chiudono la relazione in modo definitivo, senza l’intenzione di tornare indietro o di ricongiungersi. Le situazioni sono varie come le ragioni che hanno portato alla scelta di “non avere contatti”.

Motivi per cui i figli adulti interrompono i contatti con i genitori

I motivi per cui i figli adulti decidono di interrompere i rapporti con i genitori sono tanto diversi quanto le personalità stesse. Tuttavia, i quattro motivi principali sono i litigi per divergenze di personalità o sistemi di valori, i ruoli familiari, l’abuso emotivo e la trascuratezza. Anche le seguenti sono cause di allontanamento dai genitori:

  • Abuso o negligenza per tutta la vita
  • Disfunzione
  • Tradimento
  • Malattia mentale
  • Mancanza di rispetto
  • Abuso di droghe o alcol
  • Differenze religiose
  • Differenze politiche
  • Disaccordi morali
  • Comportamento criminale
  • Comportamento sconsiderato o pericoloso
  • Comportamento narcisistico
  • Mancanza di rispetto nei confronti del coniuge
  • Rifiuto di scusarsi
  • Comportamenti invadenti, prepotenti e minatori nei confronti dei genitori
  • Fare favoritismi tra fratelli e sorelle adulti
  • Ignorare i limiti
  • Criticare, sminuire o ridicolizzare
  • dispute finanziarie
  • Mancanza di capacità di risolvere i conflitti

Se state pensando di allontanarvi dai vostri genitori, prendetevi un momento per considerare i pro e i contro di questa decisione. Niente funziona meglio di un piano ben ponderato.

Pro e contro dell’assenza di contatti con i genitori

I pro sono liberatori ed eccitanti da pensare, soprattutto se avete sopportato anni di conflitti e infelicità. Tuttavia, anche i contro cambiano la vita e bisogna essere preparati ad affrontarli. In tutta onestà, la ricerca è la migliore amica quando si prendono decisioni così importanti, e controllare gli aspetti positivi e negativi è una mossa intelligente.

Pro

  • La pace
  • Libertà
  • Guarigione
  • Rispetto di sé
  • Fiducia in se stessi
  • Stabilità
  • Controllo e fiducia in se stessi

I vantaggi di porre fine a una relazione genitoriale tossica possono essere esaltanti e rinfrescanti. Può offrire l’opportunità di fare tabula rasa e di ricostruire la propria vita sulla base dei propri desideri e valori. Può essere una delle cose migliori che abbiate mai fatto.

Contro

  • Lutto
  • Senso di colpa
  • Rimorso
  • Contraccolpo
  • Solitudine
  • Depressione e ansia
  • Assenza di rapporti con i nonni

Si tenga presente che il 76% dei figli adulti sostiene che l’allontanamento dai genitori influisce negativamente sul loro benessere generale, anche se la decisione di andare avanti è stata loro.

Un’altra cosa da considerare è l’elemento del taglio emotivo della Teoria di Bowen, che indica che quando le persone usano questo metodo per sfuggire o affrontare i conflitti relazionali, spesso finiscono inconsciamente per replicare la relazione precedente per riempire un vuoto emotivo o ottenere una seconda possibilità. In questo modo si ricrea lo stress per tutte le persone coinvolte dopo l’allontanamento.

Se siete arrivati fino a questo punto e state ancora pensando di chiudere la relazione con i vostri genitori, probabilmente vi starete chiedendo quando sia il momento migliore per farlo. Ci sono alcune cose da considerare a questo proposito.

Quando interrompere i contatti con i genitori

Sapere quando agire in base alla propria decisione può essere difficile da capire. Ogni situazione è diversa e ogni personalità è diversa. Anche in questo caso, ci sono alcuni elementi da tenere in considerazione.

Siate assolutamente certi di ciò che volete fare.

È una decisione seria e non si può tornare indietro. Una volta allontanati dai genitori, il rapporto non sarà più lo stesso. In alcuni casi, il ricongiungimento può essere ancora migliore, ma non è la norma.

È meglio che prima parliate con i vostri genitori.

Sarebbe doloroso per loro, soprattutto se non è giustificato. Gli studi dimostrano che la cosa più dolorosa per gli anziani è la perdita o l’allontanamento di un figlio. Comprendete che gli effetti dell’allontanamento dai vostri genitori saranno dolorosi e duraturi.

Avete esaurito i gruppi di sostegno, le consulenze e tutto il resto?

L’allontanamento è l’ultima risorsa per proteggere il vostro benessere. Se non è possibile trovare una soluzione, la rottura del rapporto può essere l’unica scelta possibile.

Non sentitevi in colpa o vergognosi, ma siate sicuri di mantenere la vostra decisione.

Non lasciatevi prendere dal senso di colpa o dalla vergogna per la vostra decisione. Avete fatto ricerche, meditato, considerato gli angoli e fatto la vostra scelta. Seguitela e andate avanti in pace.

Se siete in pericolo di sofferenza fisica, emotiva o mentale, allontanatevi.

Allontanatevi e cercate immediatamente aiuto se siete minacciati. Nessuno dovrebbe sopportare abusi, maltrattamenti e trascuratezza.

Il momento in cui allontanarsi diventerà chiaro. Abbiate fiducia in voi stessi. Vedrete i segnali e saprete quando ogni opzione possibile è stata esaurita ed è il momento giusto per allontanare i vostri genitori. A quel punto, dovete solo sapere come procedere.

Come fare il “No Contact” con i vostri genitori

Quindi, avete capito cosa significa “non avere contatti” con i vostri genitori tossici, avete individuato i motivi per cui è necessario farlo, avete capito e siete preparati ai pro e ai contro e avete un’idea di quando potrebbe essere il momento giusto per mettere in pratica la vostra decisione. Ora analizziamo come iniziare e come avere successo.

1. Avere aspettative ragionevoli.

Il fatto che abbiate interrotto la comunicazione e i contatti con i vostri genitori non significa che la causa dei problemi sia stata risolta. Infatti, per le persone che non sono in grado di discutere i conflitti con i propri genitori, la risoluzione avviene raramente. In questo caso, bisogna essere pronti a convivere con la non chiusura.

Come spiega la Teoria di Bowen, la chiusura emotiva spesso indica che i conflitti non sono affatto risolti, ma piuttosto “nascosti”. Per avere successo, dovrete creare un piano per affrontare questi problemi ogni volta che si presentano.

2. Imparare come iniziare.

Alcuni figli adulti scelgono di abbandonare la relazione con facilità per testare le acque o per alleviare l’improvviso shock di emozioni dure e di ansia che può seguire. Altri si buttano a capofitto nel “no contact” totale perché hanno sofferto troppo a lungo o perché si è verificato qualcosa di grave che ha messo a repentaglio il loro benessere.

Dovrete valutare la vostra situazione specifica, parlarne con persone di fiducia e poi fare un piano per iniziare e attuare il divieto. Il primo passo è sempre il più difficile, ma una volta fatto si può procedere verso uno stile di vita più sereno.

3. Rilasciate il senso di colpa o di vergogna e mantenete la vostra decisione.

Aspettatevi conseguenze psicologiche o ricadute. Altri potrebbero cercare di farvi cambiare idea o di giocare a fare il consulente o lo psicologo tra voi e i vostri genitori, ma tenete duro. Alcuni familiari o amici potrebbero persino cercare di manipolarvi minacciando di tagliarvi i fondi per non avere “contatti” con i vostri genitori. Non c’è problema. Lasciateli andare.

Siate certi di conoscere meglio di chiunque altro la vostra situazione, ciò che avete sofferto e di cui avete bisogno per vivere una vita più sana. C’è un nuovo inizio che vi aspetta. Non trascinatevi dietro il senso di colpa e la vergogna.

4. Rendetevi conto che non è compito vostro risolvere la relazione tossica o tenere insieme l’unità familiare.

Se avete esaurito tutte le opzioni possibili per far funzionare la relazione e siete arrivati a imporre il “no contact” con i vostri genitori tossici, non è vostra responsabilità continuare a provarci. Le relazioni sono una cosa strana. Ci vuole più di una parte che lavora duramente per mantenerle. Fare l’eroico Ranger Solitario non è poi così scontato.

Altri familiari o amici possono cercare di costringervi a tenere insieme la famiglia, ma non è più compito vostro. Lasciate perdere e andate avanti in pace.

5. Aspettatevi un processo di lutto.

Quando si interrompe il rapporto con i propri genitori, il lutto è inevitabile. È una cosa del tutto naturale che tutti noi sperimentiamo come esseri umani. Non è divertente, ma potete essere preparati ad affrontarlo se sapete cosa vi aspetta.

Il processo di elaborazione del lutto prevede sette fasi fondamentali. Poiché ognuno di noi è diverso, non avverrà nello stesso modo per tutti, ma il processo avverrà.

  1. Incredulità e shock: anche quando si sa che la fine della relazione è imminente, può essere difficile per la mente coglierla nel profondo. Può causare intorpidimento emotivo o la sensazione di cadere in un abisso. L’entità dell’impatto è imprevedibile.
  2. Negazione: Può insinuarsi il rifiuto di aver preso questa decisione e di aver chiuso il rapporto con i genitori. Si tratta di un’emozione normale, legata al modo in cui gli esseri umani affrontano la perdita.
  3. Senso di colpa e dolore: Potreste avvertire ondate opprimenti di senso di colpa per il fatto che avreste potuto fare qualcosa di diverso o che la situazione fosse colpa vostra. Potreste anche provare grande dolore e tristezza.
  4. Negoziazione o contrattazione: Questa fase può includere la contrattazione con Dio o con l’universo per riportare indietro ciò che avevate un tempo o un’età di innocenza in cui le cose erano migliori. Naturalmente, non si può tornare indietro. Possiamo solo vivere il presente e guardare al futuro.
  5. Rabbia: La rabbia verso i vostri genitori che vi hanno forzato la mano può riempire la vostra testa di tanto in tanto. L’amarezza per il fatto che il rapporto figlio-genitore fosse così difettoso da non poter essere risolto, molto probabilmente busserà alla vostra porta a un certo punto. Ricordate che, a prescindere dalla rabbia che provate, non desiderate fare del male a nessuno. Questo sarà fondamentale per il vostro processo di guarigione.
  6. Depressione: L’angoscia mentale e l’ansia per la perdita dei vostri genitori potrebbero trovarvi. Potrebbe essere una dura battaglia, ma cercate di sfruttare l’opportunità di riflettere sulla relazione e su voi stessi e di trovare la guarigione e la saggezza che trovate in quel momento.
  7. Accettazione: Con il passare del tempo e con l’introduzione di cambiamenti positivi nel vostro stile di vita, riempiendolo di relazioni di sostegno, alla fine riuscirete ad accettare la perdita dei vostri genitori. Porterete ancora con voi i ricordi, ma non domineranno più la vostra vita.

Se il processo di elaborazione del lutto prende una piega difficile, si protrae nel tempo o causa problemi di salute, è possibile che si tratti di un lutto complicato. Se vi succede, rivolgetevi a un medico professionista.

6. Creare una nuova rete di familiari e amici selezionati.

Trovare cose che vi piacciono, come fare escursioni, cucinare, andare a cavallo, viaggiare, e connettervi con persone che la pensano come voi è incredibilmente curativo. Esistono gruppi online per qualsiasi hobby che si riuniscono e fanno insieme le cose che amano. Questo vi permette di scegliere le persone che volete chiamare la vostra tribù.

7. Meditare.

La meditazione, ogni giorno o più volte al giorno, porta energie e vibrazioni positive. Vi permette di fissare e stabilire i vostri desideri, obiettivi e ambizioni. Porta speranza e guarigione come nient’altro.

8. Siate gentili con voi stessi e prendetevi cura di voi.

Concedetevi una pausa. Siate gentili con voi stessi. Uscite e godetevi attività ed eventi divertenti. Passate del tempo con gli amici o con gli animali. Fate una gita di un giorno in un posto dove non siete mai stati prima.

Prendetevi cura del vostro corpo, della vostra mente e della vostra anima seguendo una dieta sana, facendo esercizio fisico e praticando yoga. Fate un massaggio e rilassatevi. Accettate la vostra guarigione con gratitudine, pace e buona volontà verso tutti.

9. Cercate una consulenza, una terapia o un gruppo di sostegno per aiutarvi nel percorso.

La consulenza, la terapia o i gruppi di sostegno possono aiutarvi a elaborare il lutto, la rabbia, il risentimento, la depressione e altre brutte emozioni che potreste provare. Queste energie negative non favoriscono la guarigione o scelte di vita positive. Dovete liberarle e riempire quei buchi con energie vitali positive.

Inoltre, potreste fare delle amicizie fantastiche con persone che capiscono esattamente quello che avete vissuto. Chi non ha bisogno di un nuovo grande amico?

10. Considerate la possibilità di fare del volontariato.

Il volontariato favorisce il recupero e la guarigione in modo straordinario. Quando si compiono atti gentili per qualcun altro per il proprio cuore, si attivano nel cervello neuroni e dopamina che promuovono la felicità e l’appagamento come nient’altro al mondo.

Come si sceglie una causa? Pensate a tutto quello che avete passato e a quello che avete da contribuire per rendere il mondo un posto migliore e più gentile. Andate a farlo.

11. Vivete una vita di gratitudine.

La gratitudine è fonte di vita. Non c’è niente di più importante che iniziare e terminare ogni giornata con gratitudine. Parlatene ad alta voce. Mostratela e vivetela. La gratitudine è l’unica cosa che sicuramente vi tornerà indietro in grande abbondanza.

Riflessioni finali sul divieto di contatto con i genitori

Quando e come interrompere i contatti con i genitori tossici non è un rimedio unico per affrontare i conflitti con i genitori e di certo non garantisce una risoluzione. Tuttavia, a volte l’allontanamento è l’unico strumento che vi rimane per proteggere voi stessi, il vostro coniuge e i vostri figli da danni o disfunzioni.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it