11 passi per smettere di preoccuparsi così tanto

11 passi per smettere di preoccuparsi così tanto Gestione dello stress

È l’ultima goccia. Sei stato ferito di nuovo cercando di aiutare qualcun altro. Non ne potete più e non sapete cosa fare. Le cose sono diventate tossiche e avete bisogno di liberarvi.

È tutto a posto. Rilassati. In questo articolo imparerai come smettere di preoccuparti così tanto.

Perché dovrei smettere di preoccuparmi?

Ci sono casi in cui dovresti smettere di preoccuparti perché, per prima cosa, potrebbe farti ammalare. Ansia, depressione, malattie fisiche e un sistema immunitario indebolito derivano da alti livelli di cortisolo rilasciati dal cervello nel corpo. Questo accade quando ci si stressa. Se non gestiti, alti livelli di cortisolo possono causare seri problemi di salute come cancro, malattie cardiache, problemi agli organi principali, pressione alta e ictus.

L’altra ragione per cui dovresti smettere di preoccuparti è che non stai aiutando l’altra persona nel lungo periodo. Non puoi controllare la vita di un’altra persona o le sue scelte. È sufficiente vivere la propria vita senza cercare di vivere anche quella di qualcun altro.

Perché pensi di poter controllare due vite? Hai un cuore grande e ti preoccupi. Vuoi aiutare. Hai l’amore nel tuo cuore, ed è difficile accettare che hai bisogno di tirarti indietro.

Per aiutarti a capire perché potresti averne bisogno, vediamo 11 passi per smettere di preoccuparti così tanto.

11 passi per smettere di preoccuparsi così tanto

1. Renditi conto del tuo attaccamento

La maggior parte delle persone si rende conto di avere un attaccamento negativo quando questo li ha spinti troppo oltre. Forse è stato un litigio o una rabbia violenta che ha aperto loro gli occhi. Forse si sono resi conto di essere stati ingannati, traditi o usati. È successo anche a voi?

Esaminate il problema che l’attaccamento sta causando. Tossicità? Problemi di salute? Difficoltà mentali? Controversie relazionali?

Certi legami possono complicare le cose perché sentiamo di avere la responsabilità sociale e morale di essere incatenati per sempre alle persone, tossiche o no. Questi sono alcuni tipi di relazioni che possono diventare la tua palla al piede:

  • Intimo
  • Finanziario
  • Carriera
  • Familiare
  • Amici

Scoprire il vostro attaccamento è solo la prima parte. Se vuoi sapere come smettere di preoccuparti così tanto, devi scoprire il motivo per cui esiste.

2. Realizzare la ragione del tuo attaccamento

Molto probabilmente, dovrai scavare a fondo per esaminare la ragione del tuo attaccamento. Potrebbe essere incorporato nel vostro lavoro, un obbligo o una responsabilità, le aspettative della famiglia, o anche il bisogno di salvare qualcuno.

C’è una strada verso la consapevolezza, ma richiede introspezione e auto-riflessione. Queste sono domande da porsi:

  • Qual è il tuo tipo di personalità?
  • Ha la tendenza a preoccuparsi troppo?
  • Gli altri proiettano le loro convinzioni su di te?
  • Fai parte di un gruppo che ti richiede di preoccuparti troppo?
  • Sono gli altri i catalizzatori che ti aiutano a creare questi attaccamenti?

Un altro elemento da affrontare mentre cerchi la consapevolezza è realizzare il motivo per cui ti preoccupi così tanto. Ecco alcune cause:

  • Esperienze passate traumatiche
  • Codipendenza
  • Paura
  • Dipendenza chimica
  • Problemi o disturbi mentali

Percepire e capire il motivo per cui avete l’attaccamento in primo luogo vi insegnerà su voi stessi. Riuscirete a discernere perché avete sofferto l’attaccamento e come iniziare e tenere duro nel processo di distacco.

3. Distaccarsi

Staccarsi dal portare il dolore degli altri è difficile. Tuttavia, il loro turbamento diventerà il tuo se non ti stacchi. Devi renderti conto che tutta la sofferenza è causata dagli attaccamenti.

Devi renderti conto che la maggior parte della sofferenza è causata dagli attaccamenti.

Ecco alcuni modi per liberarti e smettere di preoccuparti così tanto:

  • Piangete, addoloratevi, gridate se ne avete bisogno in privato, ma non restateci a lungo. Non reprimere i tuoi sentimenti. Lasciali uscire in un luogo sicuro, poi vai avanti.
  • Valuta e studia il modo migliore per affrontare il distacco.
  • Comunicare con la persona, ma non litigare. Non partecipare ad altre interazioni tossiche.
  • Allontanati da qualsiasi situazione pericolosa e cerca aiuto.
  • Fai qualcosa di gentile per te stesso.
  • Quando emergono emozioni codipendenti, dubbi o rimpianti, cerca una consulenza o parla con una fonte fidata.
  • Lascia andare i sentimenti nostalgici, i desideri, la tristezza o il senso di colpa. Lasciali andare. Vivi nel presente.
  • Iniziare un nuovo stile di vita di gratitudine.

Una volta che siete arrivati a questo punto, sperimenterete alcune emozioni fuori luogo. Saranno dirette a voi da altre persone e da dentro di voi. Molto probabilmente dubiterete della vostra decisione e sentirete ondate di colpa e vergogna.

4. Liberarsi del senso di colpa o della vergogna

Il senso di colpa può essere un senso di responsabilità scaricato su di noi dagli altri, o può essere un senso di rimorso che sentiamo nel profondo.

La vergogna può essere una punizione morale che gli altri vogliono farci soffrire, o può essere una sensazione straziante di aver fatto qualcosa di sbagliato.

Il senso di colpa e la vergogna hanno due fonti: gli altri e voi. Spesso capiamo che le altre persone causano il nostro senso di colpa e la nostra vergogna, ma di solito non ci rendiamo conto che possiamo mettere queste energie negative su noi stessi. C’è solo una piccola differenza tra chi tira fuori quelle armi, ma l’effetto duraturo può essere incredibilmente dannoso.

Non discutere con nessuno della tua scelta. Rimuoviti dalla situazione e lasciali andare tranquillamente. Non reagire alla loro reazione. Manterrà solo il ciclo negativo in corso.

Quando si sviluppa il senso di colpa o la vergogna, ricordate che non potete controllare la vita o le decisioni degli altri. Per chiunque aspettarsi che tu continui in una situazione tossica è una supposizione inappropriata.

5. Non permettere agli altri di dettare la tua decisione di staccarti

Quando ti rendi conto che hai un attaccamento, il motivo per cui ce l’hai e che hai bisogno di staccarti, è una tua decisione. Tu sai cosa significa la tossicità per la tua vita. Nessun altro ha l’autorità di prendere questa decisione. Né hanno il potere di imporre la tua decisione di staccarti.

Riprendi il controllo sulla tua vita. Fai attenzione a chi ti chiede consiglio e a come quel consiglio potrebbe influenzare la tua decisione di staccarti. Non hai fatto nulla di male e ti meriti un po’ di pace.

6. Reclama la tua pace mentale

Quando hai chiesto come smettere di preoccuparsi così tanto, sapevi già l’obiettivo finale. Volevi recuperare la tua pace mentale.

Vivere in pace è una tale necessità per il tuo benessere generale. Ecco alcuni modi per trovarla:

  • Vivere nel momento presente.
  • Meditare.
  • Vivere nella gentilezza e nella gioia.
  • Fare qualcosa per aiutare gli altri.
  • Coccolatevi.
  • Smettete di cercare di controllare ciò che non potete controllare.
  • Utilizzi la musicoterapia e la terapia con gli animali.
  • Partecipi alla terapia di gruppo.
  • Esca nella natura e ascolti.
  • Mantenga le cose in prospettiva.
  • Sia grato per tutto.
  • Smetta di ripercorrere le sue tracce.
  • Impara a dire “no”.

Ognuno ha la sua cosa speciale che gli porta pace come nient’altro. Fatelo. Ma ricordate, di tutto questo, una delle cose più critiche che dovete imparare a fare è dire graziosamente “No”.

7. Permetti agli altri di sperimentare la vita

La società ci insegna fin dalla prima infanzia ad essere i custodi dei nostri fratelli. C’è un aspetto di responsabilità sociale in questo insegnamento che merita un certo valore.

Dovresti sforzarti di aiutare un altro quando ne hai la possibilità. Ma quando la responsabilità sociale diventa dannosa, è il momento di ripensare fino a che punto ci si deve estendere, perché un’altra parte della responsabilità sociale è la responsabilità di prendersi cura di se stessi. In effetti, ci si aspetta che sia così.

Lascia agli altri la possibilità di sperimentare la vita invece di cercare sempre di tuffarti e salvarli.

Un’altra sfaccettatura della responsabilità sociale è permettere agli altri di sperimentare le loro vite, decisioni e prove per imparare da esse. Questo non può accadere se si cerca sempre di tuffarsi e salvarli. Permettere loro di sperimentare le conseguenze non significa essere indifferenti. Significa che ti interessa.

8. Sapere che hai un grande cuore

Ciò che ti ha portato a questo articolo è stato il concetto di non preoccuparsi troppo degli altri, il che indica che sei una persona con un grande cuore. Probabilmente ti sei spinto troppo oltre al punto che sei stato ferito, forse anche ripetutamente.

Anche le persone con un cuore sensibile, premuroso e troppo esigente hanno bisogno di amore, forse di più. Non aspettate che gli altri corrano a farvi un massaggio di classe mondiale e a versarvi un meraviglioso bicchiere di vino. Dovete imparare ad amare voi stessi e a prendervi cura di voi stessi. Hai un cuore grande e te lo meriti.

9. Somministrare spesso l’autocura

I tre principali tipi di autocura sono fisica, mentale e spirituale. Anche se sono caratteristiche separate e distinte delle creature senzienti che siamo in questo mondo, devono essere mantenute tutte per realizzare la cura di tutta la persona. Diamo un’occhiata a ciò che significano:

Cura del sé fisico.

Il vostro corpo è il vostro contenitore, ed è l’unico che avete mentre siete qui sul pianeta Terra. Ad alcuni piace isolare il corpo fisico come se non avesse molto a che fare con la cura mentale e spirituale.

Qualcuno potrebbe anche dire di rifiutare il tuo corpo, i suoi bisogni e il suo dolore. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Il vostro corpo non ha fatto nulla per meritare idee così negligenti. Punirlo non è giusto. Né è favorevole al benessere generale di una persona. Hai un solo corpo. Prendetevene cura come se fosse il vostro tempio.

Viziati. Fai lunghi bagni caldi. Cammina. Fai escursioni. Fare esercizio. Mangiare sano. Andare in palestra. Farsi i capelli. Sdraiatevi su un’amaca tutto il giorno. Dite al vostro corpo che lo amate e di cui siete grati.

Autocura mentale.

Il modo in cui ti prendi cura della tua mente determina come il tuo corpo reagisce e funziona. Se la tua mente soffre, anche il tuo corpo lo farà.

Quando vi staccate da situazioni tossiche, dovete semplicemente mantenere la vostra mente in un buon posto. È imperativo perché se la vostra condizione mentale è in sofferenza, porterà a malattie fisiche, caos spirituale e più sofferenza mentale. Prenditi cura della tua mente come se fosse anche il tuo tempio.

Trovate esercizi per le vie neurologiche e fateli religiosamente. Rifiuta qualsiasi giudizio negativo contro di te per il distacco. Ottieni una consulenza psicologica. Fai musicoterapia e terapia con gli animali. Unisciti a un gruppo di sostegno. Prenda una vacanza. Trova il tuo posto felice. Quando lo fai, allora prendi velocità sul tuo lato spirituale.

Cura di sé spirituale.

Ciò che distingue il mentale dallo spirituale può essere una linea grigia per alcune persone. Mentale si riferisce alla mente logica e intellettuale e ai suoi processi. Spirituale descrive una parte di noi stessi che va oltre la mente. Comprende sistemi di credenze, fede, moralità e un senso delle cose non viste o non logiche per la mente.

L’autocura spirituale è una cosa seria. È ciò che ti dà speranza, sogni e la convinzione che le cose miglioreranno. Senza di essa, l’autocura fisica e mentale non andrà molto lontano.

Ricordatevi che siete polvere di stelle. Questa vita sulla terra è solo temporanea ma così importante. Dovete essere irremovibili nell’eseguire spesso l’autocura fisica, mentale e spirituale. È l’unico modo per recuperare e mantenere la salute e il benessere di tutta la persona.

Meditare o pregare ogni giorno. Recita regolarmente affermazioni curative. Esprimere gratitudine anche per le cose più semplici. Guardatevi intorno e trovate la gioia.

La cura di sé è un aspetto vitale per imparare a smettere di preoccuparsi così tanto. Una routine di cura di sé e di meditazione per tutta la persona farà il trucco.

10. Meditare ogni giorno

La meditazione e la preghiera sono simili in quanto spostate i vostri pensieri e intenzioni in un luogo tranquillo di riverenza, gratitudine e manifestazione. Ci piace assegnare etichette e significati a tutto, ma nella meditazione, non c’è niente. In quel nulla, c’è pace e calma.

Padroneggiare questo fantastico strumento richiede tempo e perseveranza. Sii persistente. Anche se vi sembra che non stia facendo nulla per voi, è così. Abbiate fiducia nel processo.

Se pensavate che la mediazione fosse l’ultimo passo nel processo di rilasciare gli attaccamenti e imparare a smettere di preoccuparsi così tanto, avevate quasi ragione. C’è solo un piccolo avvertimento. Questi 11 passi devono essere ripetuti come un atleta olimpico si allena tutta la vita per un solo sport.

11. Lavare, risciacquare, ripetere

Poiché siamo umani, tutti soffriamo le ripercussioni degli attaccamenti nella nostra vita, alcuni in misura maggiore di altri. Il processo di distacco non è mai un rimedio da un colpo solo. È un processo di consapevolezza e di apprendimento. Richiede pratica, pazienza e perseveranza.

Una volta che hai fatto questi passi, ripassali di nuovo. Alla fine, diventerà un cambiamento di stile di vita che verrà naturale. Cambierà la vostra vita. Ecco i passi da seguire:

  1. Lava l’attaccamento di preoccuparsi troppo dal tuo cuore. Lascia che la meditazione e la consapevolezza siano il sapone che allenta la presa.
  2. Sciacquate via l’attaccamento, la negatività e i residui, in modo che nulla rimanga attaccato a voi. Altrimenti, può ricrescere rapidamente e diventare di nuovo un problema.
  3. Ripeti spesso questi passi. Proprio come fai la doccia, ti lavi i capelli, pulisci la tua casa o fai il bagno al tuo cane, non esegui il compito solo una volta. Devi ripetere l’azione per mantenere una buona salute. Lo stesso vale per sbarazzarsi degli attacchi.

Pensieri finali su come smettere di preoccuparsi così tanto

Imparare a smettere di preoccuparsi così tanto è un processo complicato e spesso noioso. Richiede dedizione e pazienza. Tuttavia, la guarigione è possibile se si è disposti a fare il lavoro. Puoi farlo.

Noi siamo qui per aiutarti. Per iniziare il tuo recupero, dai un’occhiata alle Affermazioni di guarigione per la tua mente, corpo e anima che ti aiuteranno ad affermare il tuo impegno ad andare avanti con la tua vita.

Vota questo articolo
tandempsicologia.it

Adblock
detector